Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 77.703.719
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 09 luglio 2019 alle 16:37

Torna il check-up al San Martino: è l’edizione n. 40

La Baita 'Riccardo Piazza'
Torna, nella seconda Domenica del mese di Luglio, il giorno 14, il check-up del San Martino, con la festa presso la Baita “Riccardo Piazza”. L’organizzazione è del Gruppo Alpini “Monte Medale” di Rancio/Laorca. Alla vigilia dell’edizione del 40° è doveroso ricordare l’impegno profuso dal compianto Giannino Mauri, fratello maggiore del grande rocciatore Bigio, che fu fra i promotori della “salita”, sostenendola anche nel suo ruolo di consigliere comunale di Lecco e di presidente del Circolo “Pio XI”.
    La prova rimane quella di sempre: iscrizione e partenza da Via Quarto, a Rancio alto, dalle 7,30 alle 10. La salita di snoda su una lunghezza di 2.350 metri, con un dislivello di 400.
    Le temperature estive di questi giorni portano a ripensare all’edizione del 1995, quando nella cronaca del check-up di Lunedì 7 Luglio il quotidiano “La Provincia” scriveva: “Salire, ieri mattina, verso il San Martino era come mettersi sulla graticola. Un sole accecante della più calda estate non ha, comunque, impedito che 94 coraggiosi si siano presentati alla sede ANA di Via Quarto per la punzonatura del check-up sino alla Baita Piazza”. La partecipazione record restò quella del 1992, con 110 iscritti. I partecipanti del 1995 furono, infatti, 94. Sempre il menzionato quotidiano commentava: “Una consolazione ha accompagnato gli ardimentosi lungo la ripida e faticosa salita. Il panorama spaziava sulla coda di auto sbuffanti sotto il sole lungo la Lecco/Ballabio”.
    La festa del San Martino, con il check-up, vide anche nel 1995 l’inaugurazione della scalinata in sasso, con 71 passelli, opera di volontari delle Penne Nere di Rancio e Laorca. Il più anziano dei partecipanti è stato l’intramontabile maestro Giuseppe Colombo, classe 1916, lecchese di Via Mascari, più volte fra i veterani anche nell’Assalto al Resegone della SEL. Il maestro Colombo salì in compagnia del missionario lecchese fratel Agostino Sacchi, che era in temporaneo rientro dalla sua missione in Brasile, dove pilotava l’aereo destinato a collegare i centri del PIME nell’immensa Amazzonia.
    Il programma della festa sul San Martino prevede, alle 11, la messa nella chiesetta attigua alla baita, che ha visto nel 1984 l’allora cardinale arcivescovo di Milano Carlo Maria Martini raggiungere la località in occasione di un incontro con i ragazzi degli oratori feriali del territorio lecchese. Seguirà un rinfresco offerto dal Gruppo Alpini “Monte Medale” di Rancio/Laorca.
    L’ultima edizione del check-up del San Martino ha visto la vittoria di Davide Trincavelli, nel tempo di 20 minuti e 22 secondi. Rimane il record della scalata il tempo di Nicola Golinelli, vincitore più volte della Resegup, con il tempo di 18 minuti e 38 secondi. La gara femminile, lo scorso anno, ha visto la vittoria di Chiara Fumagalli, in 23 minuti e 57 secondi.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco