Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 89.983.391
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 19 maggio 2020 alle 14:35

Parco Adda Nord: viabilità e attività ricreative al centro della Variante al PTC

Sono due i temi forti che guideranno la Variante Generale al PTC (Piano territoriale di coordinamento) del Parco Adda Nord in discussione in queste settimane e che, se tutti i tempi verranno rispettati, sarà approvata dalla Giunta Regionale e adottata dall’ente nell’estate del 2021: viabilità e attività turistico-ricreative.
Per quanto riguarda il primo, l'intento del Consiglio di Gestione è quello di risolvere tutte quelle carenze emerse negli ultimi anni. Per viabilità s’intende anche quella leggera, legata alle piste ciclopedonali lungo il fiume Adda: l’obiettivo, con il nuovo PTC, è quello di creare collegamenti città-ciclovie facilmente percorribili anche dalle famiglie, oltre che tra le due opposte sponde.
Per le attività turistico-ricreative, si punta invece ad ottimizzare l’utilizzo delle aree all’interno del Parco naturale che nei mesi caldi sono prese d’assalto dalla popolazione. Cosa si vuole fare? Migliorare e implementare l’offerta di servizi (chioschi, noleggio di attrezzature, piccoli parchi giochi...) su queste vere e proprie “spiagge” poste lungo il fiume, molto frequentate da chi vive nei comuni del Parco Adda Nord. Sarà anche soddisfatta la richiesta di alcuni sindaci riguardante una regolamentazione più strutturata di questi spazi.
Durante l’ultima Comunità del Parco il Vice Presidente Alessandro Chiodelli ha elencato i passaggi principali sin ad oggi compiuti e quelli previsti riguardanti la variante generale, resasi necessaria dopo i numerosi cambiamenti normativi e legislativi che sono intervenuti dal 2000, l’anno in cui è stato adottato il PTC, tra cui anche la modifica del perimetro risalente al 2015. L’esigenza di mettere a disposizione delle Amministrazioni uno strumento adeguato e aggiornato ha indotto il Consiglio di Gestione a mettere mano al piano. I lavori erano già stati avviati nel 2017, ancora prima del commissariamento dell’ente che inevitabilmente ne ha rallentato l’iter. Il dossier interlocutorio e i successivi incontri dell’ente Parco con i Comuni e il mondo dell’associazionismo hanno concretamente fatto ripartire il procedimento. A marzo era in programma la prima conferenza di VAS (Valutazione ambientale strategica), annullata a causa dell’emergenza. Lunedì 11 maggio è scaduto il termine per la presentazione delle osservazioni scritte dei Comuni. Entro l’estate sarà convocata una conferenza intermedia di VAS per dare la possibilità a tutti gli enti di inoltrare eventuali contributi al piano. Entro il 31 dicembre sarà fissata quella finale con a disposizione dei sindaci una prima zonizzazione del territorio e le norme tecniche. Si prevede di andare in approvazione definitiva durante l’estate del 2021 dopo il parere positivo della Giunta.
"Abbiamo concordato una scaletta temporale ambiziosa, ma che vorremmo a tutti i costi rispettare perché il PTC rappresenta uno degli obiettivi principali indicati da questo nuovo Consiglio di Gestione" commentano il Presidente Francesca Rota e il suo vice Alessandro Chiodelli.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco