Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 95.085.535
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 09/08/20

Merate: 24 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 18 µg/mc
Lecco: v. Sora: 20 µg/mc
Valmadrera: 19 µg/mc
Scritto Venerdì 31 luglio 2020 alle 17:34

Ambientalmente, tra bagai, prof e sociale lancia una campagna elettoriale ''gentile''

Pomeriggio di presentazioni in via Dante. La lista Ambientalmente, coordinata dall’assessore uscente Alessio Dossi e sostenitrice di Mauro Gattinoni alle prossime amministrative, ha esposto alla stampa alcuni punti programmatici che vedranno impegnati i candidati “verdi” nelle prossime settimane.
A prendere la parola Renata Zuffi, portavoce insieme a Michele Zanesi della lista, la quale si è presa l’onere di presentare “un metodo per approcciarci alla campagna elettorale, un metodo di fare politica”. Da professoressa di storia dell’arte, ha richiamato l’attenzione dei presenti sull’etimologia della parola gentilezza, che richiama il termine “gens, le genti, ovvero i nuclei familiari che hanno usi e costumi differenti ma che condividono il territorio: questo ci è piaciuto di gentile”. E allora la lista Ambientalmente ha deciso di fare della gentilezza il denominatore comune dei propri interventi elettorali, legando il sostantivo ad altri tre punti cardine: la verità, il rispetto e la correttezza. “Quando parliamo di verità non facciamo riferimento a quella assoluta, nessuno ha questa pretesa: la intendiamo piuttosto come coerenza”, coerenza che vuole unire l’oggettività dei fatti e la disponibilità a dialogare con chiunque.



Michele Zanesi, Alessio Dossi e Renata Zuffi

Una campagna elettorale gentile non può fare a meno del rispetto: “è guardare indietro, fermarsi prima di agire per conoscere e riconoscere gli altri che magari hanno un passo diverso che non condivido”. Da ultimo ma non meno importante la correttezza, che è il “contraltare del rispetto: significa essere competenti e precisi in quello che si fa, prendersi la responsabilità della fiducia che i cittadini ci affidano quando credono in noi”.
Un manifesto programmatico che Ambientalmente si prende l’impegno di sottoscrivere, certo, ma propone anche al propio candidato sindaco e agli altri partiti e figure in campo nella corsa elettorale: “è un proposta rivolta a tutti gli attori politici: la gentilezza ci dice che siamo tutti gens”, al di là dell’appartenenza politica.
A Michele Zanesi, invece, il compito di presentare alcuni membri della lista che è in via di completamento proprio in questi giorni: “sono alcuni candidati presentati secondo la logica della rappresentanza; Ambientalmente, infatti, riunisce anime variegate che rappresentano molteplici aspetti della società civile”. Da qui, allora, le “categorie" cui Zanesi ha fatto riferimento: dall’associazionismo al gruppo giovani, dal mondo del sociale all’esperienza amministrativa.
Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):

Ha cominciato proprio da se stesso Zanesi: “sono un imprenditore, ho fondato una start up con mio fratello e ritengo che il mio lavoro e l’impegno politico nel quale mi sto cimentando abbiano un aspetto in comune: entrambi nascono da qualcosa di piccolo per diventare qualcosa di importante e questo è possibile attraverso le idee”. Di seguito Renata Zuffi, professoressa di storia dell’arte e da sempre impegnata nel mondo del sociale a sostegno di adolescenti e persone con disabilità. Un altro nome fatto è quello di Giovanni Ponziani, imprenditore e attivista nel consiglio Fiab-Leccociclabile.
Giocando con il dialetto la lista ha poi creato un sottogruppo costituito dalla componente giovanile, ovvero “Ambientalmente bagai”: “abbiamo diffuso un questionario tra i giovani attraverso i social e i passaparola, raccogliendo oltre 130 risposte; al di là del coinvolgimento abbiamo riscontrato molto interesse nei temi della sostenibilità, del futuro della città di Lecco”. A rappresentare i giovani della lista Francesco Tanzi, 23 anni, studente di scienze statistiche all’Università degli Studi di Milano.
Per quanto riguarda il mondo del sociale, è stata presentata Mariagrazia Marighiello, responsabile e componente del direttivo di Auser Lecco, mentre per l’esperienza amministrativa il coordinatore della lista Alessio Dossi, cui si affiancano Monica Coti Zelati, consigliere comunale uscente e insegnante di inglese all’istituto Parini ma anche Anna Niccolai, con un’eguale esperienza politica alle spalle.


Venendo infine alle proposte concrete, Dossi ha indicato tre punti principali su cui insisteranno particolarmente: il primo riguarda degli investimenti sulla riqualificazione energetica dell’edilizia popolare, “in modo da migliorare la qualità del vivere di persone più fragili, creare un impatto ambientale e dare lavoro alle persone che operano in questo settore”. Una proposta, quindi, volta ad abbracciare l’ambiente ma anche il mondo del sociale - facendo investimenti a partire da immobili comunali come le case Aler - e quello lavorativo.
Perché il tema ecologico non riguarda solo il verde ma anche l’urbanistica, la seconda proposta riguarda la pedonalizzazione del lungo lago e di alcune aree del centro storico: “dopo un approfondimento attraverso 45 interviste a commercianti, siamo convinti dell’importanza del tema della pedonalizzazione di certe aree, sia per lo sviluppo della città ma anche per la godibilità della vita”.
Da ultima la proposta forse più ambiziosa: “Con l’acquisizione della Piccola è possibile prendere in considerazione l’opzione di creare una metropolitana leggera”. Da Mandello a Calolzio fino ad arrivare a Oggiono: questi i tratti nevralgici su cui la lista vuole insistere per creare un “minore impatto viabilistico che veda nell’area della Piccola anche uno snodo per gli autobus e le auto e magari spazi per il parcheggio” ha concluso Dossi.
A.A.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco