Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 98.132.615
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/09/20

Merate: 36 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 31 µg/mc
Lecco: v. Sora: 24 µg/mc
Valmadrera: 28 µg/mc
Scritto Martedì 15 settembre 2020 alle 17:35

Malgrate: incontri hot tra anziani e ragazze ospiti a Fabusa? Le opposizioni interrogano Polano

Con un’interrogazione congiunta, i consiglieri comunali di Malgrate Francantonio Corti (Obiettivo Persona) e Roberto Mulargia (Malgrate Più) hanno chiesto al sindaco Flavio Polano di far luce su una situazione quantomeno particolare venutasi a creare nel quartiere Fabusa, dove si trova una Cooperativa che ospita famiglie e donne sole. Ed è proprio “particolare” l’aggettivo scelto dai due per descrivere gli incontri, segnalati dai residenti, che avverrebbero tra alcune ragazze alloggiate presso il centro e anziani avventori. “Abbiamo notizia – scrivono Corti e Mulargia nell’interrogazione a Polano – di incontri ‘particolari’ tra ragazze che escono con vistose parrucche dai locali della Cooperativa e passanti, per lo più anziani, che giungono in loco con autovetture, che sarebbero luogo dei sopra citati incontri ‘particolari’”.
Una situazione, insomma, che farebbe pensare a incontri di natura sessuale. Si tratta di prostituzione? Questo dovranno essere le autorità competenti, eventualmente, a stabilirlo.
“Il sindaco è al corrente di questa situazione perché gli stessi cittadini che l’hanno segnalato a noi l’hanno segnalato anche a lui” spiega Francantonio Corti. “Polano ha sempre detto che devono essere i residenti a far presente la situazione alla Procura, ma invece dovrebbe pensarci lui perché è lui che deve badare alla sicurezza dei cittadini di Malgrate. Come opposizione abbiamo segnalato più volte le situazioni di degrado in paese. Ultimamente ci sono stati controlli da parte della polizia locale – prosegue Corti – e quindi non è vero, come dice l’amministrazione, che non c’è abbastanza personale. Dirlo vuol dire fare come gli struzzi. Dal controllo del territorio invece può accrescere il benessere dei cittadini, a differenza di quanto accaduto negli ultimi anni.”
L’interrogazione di Corti e Mulargia è stata protocollata e verrà presentata nel corso del prossimo consiglio comunale del 22 settembre. Ma – in ultima istanza – cosa viene chiesto a Polano? Che il sindaco convochi “i responsabili della Cooperativa  per relazionarci sull’attuale attività della stessa, sugli ospiti attualmente presenti e sulle prospettive future”.
Mi.C.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco