Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 109.349.316
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 14/01/2021
Merate: 59 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 41 µg/mc
Lecco: v. Sora: 33 µg/mc
Valmadrera: 38 µg/mc
Scritto Lunedì 23 novembre 2020 alle 18:23

Lierna: pensa di comprare un drone, si ritrova con un pacco

Un 60enne abruzzese è chiamato a difendersi dall’accusa di truffa aggravata ai danni di un giovane 22enne di Lierna a seguito della denuncia-querela sporta proprio da quest’ultimo perchè, nonostante il pagamento e gli accordi presi…non ha mai ricevuto il drone tanto desiderato.
A raccontare la vicenda è stato proprio il giovane lariano che, alle prese nel maggio del 2018 con il suo primo acquisto di questo tipo, si sarebbe fatto ingolosire dal prezzo pubblicato su un annuncio che ha trovato sul sito subito.it per un drone: “ho contattato il venditore e poi abbiamo pattuito l’acquisto. Gli ho inviato la prima tranche di soldi, a mo’ di acconto, e poi gli ho detto che gli avrei pagato il resto all’arrivo del pacco”. Ma il venditore non avrebbe voluto sentire ragioni e, convinto il ragazzo mandandogli una mail di avvenuta spedizione da parte del corriere, si sarebbe fatto pagare l’intero importo, pari a 230 euro. Peccato però che poi, inserito il codice di spedizione nel sito del corriere, il ragazzo abbia scoperto che non esisteva alcun invio a suo carico. Così si è presentato in caserma a Mandello per sporgere denuncia, i cui militari hanno preso in mano le indagini e sono risaliti al venditore -presunto- truffatore. L’udienza odierna, al cospetto del giudice Giulia Barazzetta, ha visto sfilare al banco dei testimoni il giovane truffato e uno dei militari che ha condotto le indagini. Il difensore dell’imputato, del foro di Pescara, non si è tuttavia presentato in aula e così il giudice, provvedendo alla sua sostituzione ex articolo 97 4°comma del codice di procedura penale, ha “pescato” in aula il già presente per altro processo avvocato Andrea Artusi.
Nel rinviare il processo al prossimo 19 aprile 2021 per la discussione finale, il giudice ha fatto mettere a verbale, che verrà trasmesso anche al difensore del foro abruzzese, della circostanza per cui, nel caso in cui quest’ultima non si presentasse senza giustificato motivo come avvenuto quest’oggi, valuterà l’assenza come una rinuncia all’incarico e provvederà alla segnalazione dell’avvenuto all’ordine di appartenenza.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco