Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 158.947.308
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Domenica 07 febbraio 2021 alle 11:29

Chiedere scusa o ricordare, non basta...

La Repubblica riconosce il 10 febbraio quale "Giorno del ricordo"la tragedia di italiani di terra istriana e dalmata.

Esecuzioni sommarie, reclusioni ,uomini vivi e morti gettati negli abissi delle Foibe.
Anni di violenze esercitate in maniera indiscriminata su italiani che scamparono allo sterminio nel drammatico esodo verso la madre patria : paesi e città si spopolarono della secolare presenza italiana, sparirono lingue, dialetti e una cultura millenaria  cancellando così un pezzo di storia,... la nostra .

Sedici anni fa veniva consacrata dal Parlamento, a larghissima maggioranza, l'istituzione del Giorno del ricordo.
Un  mancato risarcimento  pubblico dell'ingiustizia  ha condotto negli anni  all'istituzione del Giorno del ricordo.
Questo percorso è stato sicuramente indispensabile per sfociare in una riflessione più matura e consapevole su quei tragici fatti in tutta la loro profondità e complessità storica, ma certo non basta.

Un uomo buono chiede scusa degli errori del passato, ma un grande uomo vi pone rimedio

(Johann Wolfgang von Goethe)

Al posto della parola ''uomo'' metterei ''nazione''.
Ezio Venturini
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco