Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 119.680.379
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 22/04/2021
Merate: 32 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 23 µg/mc
Lecco: v. Sora: 20 µg/mc
Valmadrera: 22 µg/mc
Scritto Sabato 06 marzo 2021 alle 15:01

Vaccinazioni: le richieste della CGIL per tutelare i lavoratori

Diego Riva
Sul tema della campagna vaccinale anticovid, di stretta attualità in questi giorni, pur essendo al momento in corso solo la somministrazione garantita alle categorie appartenenti ai così detti servizi essenziali e agli over 80, interviene anche la CGIL Lecco.
"Chiediamo che sia preparato un piano vaccinale definitivo, sostenuto e coordinato. È necessaria una azione seria e compressibile a tutti i cittadini, che sia rispettosa di tutte le donne e gli uomini che lavorano e che si stanno sacrificando per rialzare un Paese in piena emergenza sanitaria ed economica" dichiara il segretario generale Diego Riva. "Nell'ultimo annuncio della giunta regionale si parla della somministrazione dei vaccini a lavoratrici e lavoratori direttamente nei luoghi di lavoro, ovvero fabbriche, uffici e cantieri. Questo annuncio non ci convince! Per questo chiediamo alle istituzioni, in primis a Regione Lombardia, che si apra un confronto preventivo con le parti sociali per definire tempi e modalità per attuare eventuali piani di vaccinazioni. Chiediamo, inoltre, che ogni iniziativa mirata a far partire una campagna vaccinale nei luoghi di lavoro sia coerente con le possibili intese che il governo nazionale e le parti sociali stanno discutendo. È inoltre necessario - aggiunge Riva - evitare di creare lavoratrici e lavoratori di serie A e B, vaccinando al più presto, e prima, tutti coloro che rientrano nelle fasce più deboli. È altresì necessario tenere presente le attività più esposte e che svolgono servizi essenziali. Questo per essere più efficaci e per tornare alla normalità il prima possibile. Si tratta dell'unico modo per lasciarci alle spalle l'emergenza sanitaria, tutelando al contempo la salute della collettività. La salute deve essere tutelata e deve venire prima di qualsiasi altro obiettivo".
Andrea Frangiamore, segretario generale della Filt Cgil Lecco, aggiunge: "È assolutamente prioritario che il personale del trasporto pubblico del nostro territorio sia vaccinato al più presto, così da tornare alla normalità il prima possibile. In questo momento, nella discussione attuale, le lavoratrici e i lavoratori del settore dei Trasporti non sono inseriti tra le persone da vaccinare prioritariamente. Eppure stiamo parlando di donne e uomini costantemente a contatto con l'utenza. Un esempio lampante riguarda gli autisti degli autobus e il personale viaggiante di Trenord, che quotidianamente hanno a che fare con studenti e pendolari".
Michela Magni, segretario generale della Flc Cgil Lecco, auspica garanzia per il comparto che rappresenta. "Chiediamo che non ci siano discriminazioni sulle vaccinazioni al personale scolastico. C'è l'urgenza di vaccinare tutte le persone che lavorano: dagli asili nido, alle scuole, alla formazione professionale, pubbliche e private. Sarà nostra cura pressare costantemente Regione Lombardia a garanzia dell'effettuazione delle vaccinazioni per chiunque".

© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco