Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 141.717.421
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 24 novembre 2021 alle 10:50

Malgrate: il 28 la tradizionale salita al Sasso di Preguda

Domenica prossima, 28 novembre, avrà luogo la tradizionale e ormai storica salita dell’oratorio San Leonardo di Malgrate, con la collaborazione degli Alpini e del Gruppo Pian Sciresa, al Sasso di Preguda. Era l’anno 1954 quando il compianto don Fausto Tuisse, allora coadiutore in paese, lanciò l’idea di un primo pellegrinaggio, nel ricordo anche degli studi compiuti dal noto abate e geologo lecchese Antonio Stoppani. Così, da quel giorno di fine novembre, ogni anno l’incontro si è ripetuto anche con tempo avverso.



Per quasi sette decenni, ormai, la gente di Malgrate ha preso il sentiero di Preguda e, passo dopo passo, sulla “pista” ingiallita dalle foglie d’autunno e con lo sguardo ad un paesaggio lariano velato a strisce fra alberi quasi spogli, ha ripetuto una tradizione, una memoria, un impegno. Sarà così anche domenica prossima, che rinnoverà un legame popolare solido nella continuità anche di fede, che passa nel tempo, fra Malgrate e Preguda, sui monti di Valmadrera.
La Messa al Sasso sarà celebrata alle ore 10 dal parroco don Andrea Lotterio. I partecipanti alla salita saranno accolti dagli Amici di Preguda e della chiesetta di Sant’Isidoro, guidati da Massimo Cariboni. Si spera, ovviamente, nel bel tempo per vivere nella pienezza della natura, nel paesaggio e nella storia un cammino nato con l’anno mariano 1954. Sarà opportuno riprendere quanto scritto proprio dall’abate Antonio Stoppani, dopo la sua salita del 1878: “La gita non costa che una breve ora, la quale, confortata da ombre deliziose e da fresche sorgenti, sarà trovata appena faticosa anche da chi non sia avvezzo alle montagne”.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco