• Sei il visitatore n° 164.724.118
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 12 gennaio 2022 alle 16:50

Chiesti due anni di sorveglianza speciale per il rapper Baby Gang

Baby Gang
A Lecco, la città dove è nato - nel 2001 – è persona non gradita, tanto che il Questore Alfredo D'Agostino ha firmato a suo carico un foglio di via già mesi fa, come del resto fatto anche dai colleghi di Milano ma anche di Cattolica, Misano Adriatico, Rimini, Riccione e Bellaria Igea Marina in Romagna. Ora Baby Gang, al secolo Zaccaria Mouhib, rapper ormai conosciuto non solo dagli amanti del genere ma anche da chi segue la cronaca locale, rischia di vedersi applicata per due anni la sorveglianza speciale. L'istanza è stata avanzata dalla Questura di Sondrio (competente per residenza del ragazzo) e discussa questa mattina davanti alla Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Milano, presieduta da Fabio Roia.
Secondo i proponenti, il giovanotto è pericoloso socialmente ed è una persona "dedita alla commissione di reati che offendono o mettono in pericolo la sicurezza e la tranquillità pubblica". A sostegno di tale conclusione è stata prodotta copiosa documentazione. Oltre 300 pagine.
Baby Gang – come sanno bene i residenti di viale Turati ma anche gli inquirenti della Squadra Mobile cittadina che lo hanno denunciato dopo pubblicazione di diversi video clip girati tra il rione di Santo Stefano, la Piccola e le stazioni di Lecco e Calolzio - ha "utilizzato la sua influenza per promuovere in zone aperte al pubblico delle riunioni non autorizzate che sono sfociate in scontri con le forze dell'ordine, creando in tal modo situazioni di serio pericolo per la sicurezza".
Tra il 2020 e il 2021, il rapper è stato "deferito - ha scritto la Questura - per i reati di diffamazione e violazione della proprietà intellettuale, istigazione a delinquere, porto abusivo di armi, vilipendio della Repubblica, delle istituzioni e delle forze armate, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale".
Negli atti anche le frequentazioni con presunti spacciatori e pregiudicati.
Mouhib è assistito dall'avvocato Niccolò Vecchioni. L'udienza è stata aggiornata all'8 febbraio.

© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco