• Sei il visitatore n° 205.715.663
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 23 maggio 2023 alle 14:09

Teatro Invito: tornano le rassegne 'I luoghi dell'Adda' e 'A monte lo spettacolo!'

"I luoghi dell'Adda" raggiunge la 18^ edizione e il 2023 vede la conferma di tutti i Comuni del 2022 e il rientro di quello di Calco per un totale di 12 amministrazioni e 15 spettacoli. La rassegna di Teatro Invito conferma così un cospicuo volume di attività toccando le province di Bergamo e Lecco con un cartellone costruito con la convinta volontà di offrire ai cittadini occasioni di spettacolo e cultura.
ILDA è da sempre caratterizzata dalla collaborazione con le amministrazioni che offrono luoghi sconosciuti al grande pubblico, spazi suggestivi e particolarmente gradevoli per godersi una rappresentazione teatrale o musicale. Il ruolo di capofila è ancora del Comune di Robbiate, gli altri che partecipano sono Airuno, Canonica d'Adda, Calco, Calolzio, Capriate San Gervasio, Imbersago, Lecco, Paderno d'Adda, Olginate, Fara Gera d’Adda e Verderio, con l’importante sostegno economico del Parco Adda Nord che ha scelto di supportare l'iniziativa ritenendola meritevole per qualità, impegno e valore culturale. Nel 2023, inoltre, ricorre il quarantennale dell'istituzione dell'ente, e per l'occasione si terrà uno spettacolo per bambini anche nella sede di Trezzo sull'Adda, presso Villa Gina.
La XVIII edizione della rassegna teatrale dedicata ai suggestivi spazi dislocati lungo il corso dell'Adda cura sempre con attenzione la grafica promozionale: quest'anno ha mantenuto la foto del fiume con barche di sfondo (autore Alessio Volontè) a sottolineare lo stretto legame con il territorio e l’idea che il teatro sposi luoghi già molto evocativi, come se il programma si specchiasse nelle acque, rendendole ancor più brillanti.



"I luoghi dell’Adda" si conferma ricca e variata, e sarà composta da 15 appuntamenti: si inizierà il 2 giugno a Villa Sirtori di Olginate con lo spettacolo L'eredità dei giusti del Giardino delle Ore, un collage di biografie di uomini coraggiosi del nostro tempo, per l'occasione si potrà trovare una bancarella per ristoro e bevande in loco; nello stesso fine settimana Paderno ospiterà a Cascina Maria Le parole non sanno quello che dicono di Fratelli Dalla Via/La Piccionaia, un gioco teatrale e linguistico sul senso delle parole e sulle conseguenze del loro uso; chiude il fine settimana Amleto - una questione personale di Campsirago Residenza che accompagnerà gli spettatori lungo un percorso da Piazza era di Pescarenico, tra un dubbio shakespeariano e l'altro (posti limitati, prenotazione obbligatoria).
La seconda settimana si apre il 9 giugno nel parco di Villa della Concordia a Robbiate con un autore classico come Aristofane: I Sacchi di Sabbia/Compagnia Lombardi-Tiezzi mettono in scena La commedia più antica del mondo, discorso su Gli Acarnesi, allegoria teatrale che mette in commedia la guerra, per evidenziarne gli aspetti paradossali con un'ironia infallibile, dalle ore 19.30 sarà possibile consumare un aperitivo "portatile" nel Parco, a cura di Punto Ristorazione (costo € 5 - prenotazione obbligatoria); domenica 11 giugno la rassegna passa per Imbersago con Teatro delle Forme e L'immaginifica storia di Espérer, che prende avvio dalle storie dei migranti di passaggio da Ventimiglia alla Francia per costruire un utopico mondo senza confini attraverso la musica popolare.
Calco ospiterà il 16 giugno all'Arena di Arlate Sementerie Artistiche con Manzoni senza filtro: nell'anno del 150° della scomparsa del grande scrittore lombardo proponiamo una lettura scanzonata, arguta ma assai rispettosa del romanzo I Promessi Sposi che siamo certi riserverà sorprese; Verderio accoglie il 17 giugno Teatro Forsennato a Villa Gallavresi con Le figurine mancanti del 1978, una riflessione sulla compresenza  storica dei mondiali del calcio in Argentina nel 1978 e il fenomeno politico dei desaparecidos; la domenica si fa tappa al Monastero del Lavello di Calolziocorte con Teatro Due Mondi e i loro Rossini Flambé - opera buffa in cucina, in cui si mescolano ingredienti e racconti tra le note del compositore.
La seconda parte di ILDA comincia il 23 giugno in cui a Fara Gera d'Adda verrà messo in scena l'anteprima regionale di Antonio e Cleopatra di Casa Shakespeare dove vedremo i due grandi personaggi muoversi tra i riferimenti al Bardo e quelli del noto film hollywoodiano a loro dedicato;
Storie folkloriche, storie di bosco e legate all'oscurità saranno le protagoniste di Strof di AriaTeatro/Teatro delle Garberie accolto alla Corte di Giorgio di Aizurro, frazione di Airuno, dalle ore 19.30 aperitivo in Corte, a Cura dell'Ass. Amici di Tino, prenotazione obbligatoria | € 5. Domenica 25 giugno Robbiate ospiterà il suo secondo appuntamento: Vorrei essere libero - le nuove parole di Giorgio Gaber di TAM Teatromusica, spettacolo di Teatro canzone dedicato all'autore milanese maestro di ironia e anticonformismo.
La settimana successiva comincia al Parco Leonardo di Canonica d'Adda venerdì 30 giugno con Chisciotte - follia sogno rivoluzione di Casa degli Alfieri/Astiteatro, prima regionale di un nuovo lavoro della compagnia piemontese dedicato a uno dei più grandi eroi classici della letteratura, che uscirà dalle pagine per parlare al pubblico; arriviamo al primo appuntamento per famiglie e bambini alla Pineta di Crespi d'Adda presso Capriate dove Teatro Scientifico farà comparire niente meno che la principessa Melusina, in La mia amica Terra proverà a capire come curare il mare e il pianeta con l'aiuto dei bambini - dopo lo spettacolo sarà possibile visitare il villaggio operaio di Crespi d'Adda (patrimonio Unesco) con le guide del Comune; ancora ai bambini è dedicato lo spettacolo del 2 luglio presso la sede del Parco Adda Nord a Trezzo: i burattini tradizionali della Famiglia Monticelli con Teatro del Drago monteranno la loro baracca per raccontare la storia di Fagiolino pastore e guerriero alle ore 17.30. La rassegna si chiuderà il 7 luglio con il secondo spettacolo a Verderio, un altro omaggio ad Alessandro Manzoni a opera di Teatro Invito che cura il nuovo allestimento di La colonna infame, attori e musicisti daranno carne e voce in chiave thriller ai personaggi del secondo capolavoro manzoniano, un concerto teatrale per voci e chitarra.

I luoghi dell’Adda 2023 sarà dunque un continuo scorrere di storie per gli spettatori. Tranne le serate con aperitivo gli spettacoli sono a ingresso gratuito, con prenotazione sempre consigliata; si comincia sempre alle 21.15 tranne il 4 giugno a Lecco per la passeggiata teatrale che avrà inizio alle 18.00 e i giorni 1 e 2 luglio a Capriate e a Trezzo in cui gli spettacoli per bambini si terranno alle 17.30. In tutti i casi sono previsti luoghi al coperto o date di recupero in caso di pioggia, indicati sul programma.



Oltre a ILDA, Teatro Invito propone anche il progetto "A monte lo spettacolo!", che ha l'obiettivo di creare un’immaginaria linea di cammino che si sollevi da terra: ammirare la natura per apprezzare l'arte e per amare la cultura, in tante delle sue declinazioni, dal teatro alla letteratura, alla poesia, alla musica jazz e popolare, al racconto tradizionale, unendo la creatività alla storia dei luoghi e del territorio intorno a noi.
Il territorio della Provincia di Lecco presenta una varietà orografica e paesaggistica strabiliante: fiume, lago, collina, montagna si alternano armoniosamente e costituiscono la base per gite, escursioni e scampagnate. Inoltre, numerosi sono i segni di grande valore architettonico e storico del passaggio dell’uomo: luoghi magici e nascosti, affascinanti anche se non troppo rinomati.
Pur non essendo un territorio con una spiccata tradizione turistica, ultimamente il lecchese vede incrementare le iniziative, le offerte e le strutture ricettive, pertanto Teatro Invito ha voluto arricchire questa ritrovata vocazione con un elemento fondamentale: quello culturale e artistico. E così, insieme ai partner Taiko Lecco e AmbriaJazz - che curano le parti musicali e laboratoriali del progetto - è stata lanciata "A monte lo spettacolo!", una rassegna tra lago, mezza montagna e collina, con un cartellone che da luglio a settembre offrirà spettacoli teatrali, anche itineranti, concerti in quota o nella natura, passeggiate teatrali, cacce al tesoro poetiche, performance notturne al chiaro di luna, visite guidate a castelli per riconnettersi all’ambiente e promuovere stili di vita sostenibili. Molti sono gli enti che sostengono e partecipano al progetto, a testimonianza di una rete ricca e animata da spirito di collaborazione: i Comuni di Abbadia Lariana, Malgrate, Valvarrone e Varenna, le Pro Loco di Erve e Carenno, il Parco Monte Barro e la Cooperativa Eliante.
Il progetto è biennale e questa è la seconda edizione: si parte il 18 giugno alle 18.00 in Valvarrone per una passeggiata tra le antiche cantine di pietra aperte straordinariamente per il concerto del gruppo Ammuina dal titolo Canti in cantina, canti e musiche popolari dal mondo per un cammino "di spirito".
Il 24 giugno alle 18.00 Teatro Invito cura lo spettacolo itinerante "Le voci del lago" che si snoderà tra le vie del borgo di Varenna in cui un attore, alcuni musicisti e una danzatrice accompagneranno gli spettatori tra i vicoli del paese ascoltando le parole e le note di chi ha cantato e scritto del lago.
Il 30 giugno la rassegna fa tappa ad Abbadia Lariana alle 18.00 per un percorso nelle frazioni alte del Comune: "I camminanti del silenzio" di Teatro delle Selve, un percorso naturale che cerca le tracce del rapporto tra esseri umani e animali selvatici, con spirito di poesia. Da testi di Giuliano Scabia e Chandra Candiani.
"A monte lo spettacolo" prosegue l'8 luglio a Malgrate che ospiterà alle 21.00 lo spettacolo Narciso di Teatro Periferico all'interno del Parco Rio Torto: gli spettatori, dopo il tramonto, con smartphone e auricolari, ascolteranno voci-guida, storie antiche, poesie e sonorità suggestive. Guidati dal mito di Narciso, i visitatori si imbatteranno lungo il percorso in apparizioni simboliche.
Il 22 luglio sarà ancora Valvarrone ad accogliere lo spettacolo Due soldati al sole del gruppo Teatri Soffiati, in un insolito e affascinante cammino tra le trincee di Bondo a Vestreno: una passeggiata teatrale site specific per attraversare con uno sguardo attento ma lieve la vita civile e militare del periodo della Grande Guerra tramite aneddoti, notizie di cronaca, lettere.
Il 23 luglio ci si sposterà a Carenno, partenza alle 17.30 dall'oratorio di San Domenico per "L'ombra del lupo" di Compagni di viaggio, in cui si racconta del ripopolamento del lupo in Piemonte, il pubblico diventerà attore e personaggio. Il mese di settembre vedrà tre appuntamenti: il 10, quando a Villa Mercedes di Erve il gruppo Taiko Lecco metterà in scena "Cosa accade se...", racconti italiani e giapponesi accompagnati dai tamburi Taiko e da strumenti curiosi; il 23 settembre alla Chiesa di San Michele ore 17 nell'area del parco del Monte Barro, Il segreto del bosco vecchio di Evoè Teatro, renderà teatrale il noto omonimo racconto di Dino Buzzati in cui un vecchio colonnello in pensione riceve in eredità un bosco di abeti secolari abitato da misteriose presenze e forze antichissime…; il 30 settembre la chiusura in cui sarà la musica protagonista: il gruppo In itinere si esibirà in un concerto alla stazione ornitotologica di Costa Perla: "Il canto degli uccelli", un viaggio musicale e poetico alla scoperta del “bestiario alato” medievale: letture e musiche per scoprire come l’usignolo, il cuculo, l’allodola, la colomba siano stati ispirazione per i cantautori medievali.

Le informazioni dettagliate saranno disponibili sul sito teatroinvito.it; prenotazioni@teatroinvito.it | tel. 0341.1582439.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco