Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 57.246.039
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 28 luglio 2016 alle 13:55

Lecco perduta/13: quando il Caldone ancora si vedeva

Il corso del Caldone, in un periodo di magra, nel tratto da
piazza Manzoni al ponte di via Leonardo da Vinci
C’era una volta, nel centro urbano di Lecco, il Caldone. Era un corso d’acqua ben visibile da via Porta, in alto a viale Dante, sino al lago, dove sfociava tra la Canottieri Lecco ed il monumento ai Caduti. Dai ponti di via Digione, via Ghislanzoni, piazza Manzoni, via Aspromonte e via Leonardo da Vinci, i lecchesi si soffermavano ad ammirare il vorticoso scorrere delle acque nelle giornate di piena. Intorno al 1970 il Caldone scomparve, sepolto dal cemento e dall’asfalto, coperto da una superstrada con semafori e passaggi zebrati, doppie corsie e verdi aiuole.
    Così potrebbe essere, brevemente, la “fiaba” del Caldone, il fiume che percorreva, senza la copertura attuale, una larga fascia del centro cittadino e che lungo le sponde non mancava di presentare angoli suggestivi: la passeggiata sotto i folti ippocastani, con le panchine di ferro, dove i ragazzi si trovavano a giocare ed i pensionati a leggere i giornali.
    Il corso del Caldone era ancora tra prati e verde diffuso quando recitò un ruolo notevole nella battaglia dell’aprile 1799, fra francesi ed austro-russi. Si attestarono sulle sue rive i dragoni francesi ed i cosacchi russi.
Nel 1875 il dott. Graziano Tubi, nel predisporre uno studio per l’edilizia in Lecco, propose la deviazione del corso d’acqua. Vi erano motivi validi: si trattava di rimuovere un notevole ostacolo allo sviluppo edilizio nella zona centrale di Lecco ed evitare il deposito di materiale alluvionale, quanto mai pericoloso, allo sbocco nel lago. La proposta Tubi prevede la deviazione in zona Caleotto, poco sopra la linea ferroviaria. Un condotto di 1200 metri avrebbe portato le acque nel corso del Bione. Il progetto non venne mai realizzato, anzi cadde nell’oblio.
Sarebbe stata meglio la deviazione per il Caldone, quasi 150 anni or sono, anziché finire ingloriosamente sepolto nell’ultimo tratto della sua veloce discesa dal Resegone al lago? La copertura arrivò, invece, a lotti, tra il 1960 ed il 1970, partendo da via Carlo Porta. E’ difficile oggi, percorrendo viale della Costituzione, sulla superstrada densa di traffico,  ricordare e descrivere l’ambiente totalmente diverso del fiume. E’ proprio il caso di dire: c’era una volta il Caldone.
Articoli correlati:
26.07.2016 - Lecco perduta/12: le regate della Canottieri, 'idee' per il rilancio
23.07.2016 - Lecco perduta/11: 'al vecchio Bersaglio', in quartiere Santo Stefano
19.07.2016 - Lecco perduta/10: via Visconti, ''la porta'' verso la Valtellina
16.07.2016 - Lecco perduta/9: il S. Martino e l'antica strada di Via Stelvio
14.07.2016 - Lecco perduta/8: a Laorca la sosta per ''bagnare il becco''
08.07.2016 - Lecco perduta/7: l'odierna via Cavour era la Contrada Larga
06.07.2016 - Lecco perduta/6: quando c'era l'hotel Croce di Malta
02.07.2016 - Lecco perduta/5: una contrada nata fin dall'origine Mal…pensata
28.06.2016 - Lecco perduta/4: al Caleotto è rimasta via Ferriera
24.06.2016 - Lecco perduta/3: Via Pizzi, un tempo era oasi di tranquillità
20.06.2016 - Lecco perduta/2: il piccolo mondo del Lazzaretto
15.06.2016 - La Lecco perduta: ''alle quattro strade''
A.B.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco