Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 28.652.357
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 09 gennaio 2017 alle 16:05

Mercato immobiliare: segnali di ripresa rispetto al 2013. Per Lecco città un 17%

In apertura di anno e alla ripresa delle attività, è sul mercato immobiliare che il quotidiano di Confindustria ha focalizzato la prima indagine del 2017.
Complici tanti fattori, dal 2013 data in cui il “mattone” ha toccato il fondo la situazione, pur con le distinzioni città per città, registra una risalita. Le statistiche che emergono dall'agenzia delle entrate sulla base delle transazioni immobiliari, e che sono state elaborate dall'ufficio studi Nomisma, stimano una risalita del 28% rispetto all'annus horribilis.
Parlare di ripresa dopo tracolli devastanti pare un poco azzardato, certo è che a fronte di prezzi scesi di molto, di compravendite rimaste ai blocchi di partenza, di un allentamento della morsa dei mutui e di politiche per la casa che qualche provvedimento lo hanno mostrato, non si può negare come un risveglio ci sia stato.

Il dato nazionale mostra un aumento delle compravendite pari al 28,19% che in termini assoluti è pari 517mila transazioni. Nelle 13 grandi città (Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Padova, Roma, Torino, Venezia) la media dei prezzi al metro quadrato di abitazioni usate nel 2016 si è assestata a 1.894 euro con un calo del 9% rispetto al 2013.
Le nuove stipule per l'acquisto di case nel 2016 hanno riguardato 358.402 unità (mutui erogati) con un + 53,6% rispetto al 2013.
Ma vediamo ora qualche caso, partendo chiaramente da Lecco. Qui il mercato delle transazioni immobiliari ha fatto registrare rispetto al 2013 un +17,16% pari a 2.998 stipule. I prezzi al metro quadrato sono scesi del 12,71% assestandosi attorno a 1.267 euro/mq. Specularmente i mutui erogati, pari a 2.991, hanno totalizzato un +35,8% collocando dunque la città nell'elenco di quelle che hanno ingranato una buona marcia di ripartenza.
A Milano, invece, il calo del prezzo al metro quadrato è stato meno evidente che a Lecco. Si parla infatti solamente di un -6,46% rispetto al 2013 e una quotazione ferma a 2.968 euro/mq. La ripresa si è comunque registrata anche sotto la Madonnina con un +37,9% (52.294 transazioni) e con una boccata di ossigeno anche sui mutui cresciuti del 58,9%.
A Bergamo è stata importante anche la spinta agli acquisti data dall'allentamento della morsa dei prestiti. Con un aumento del 45% di quelli erogati, il mercato immobiliare è ripartito con un +25% delle transazioni, che hanno toccato quota 10.918.

Resta invece negativo il trend per città come Caltanissetta (-5,8% delle transazioni), Isernia (-11%), Avellino (-1,18%), Cosenza (-4,3%), Enna (-9%), Reggio Calabria (-3,7%), Vibo Valentia (-12,1%).
S.V.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco