Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 27.169.143
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Sabato 18 marzo 2017 alle 14:32

Domenica la sfida Olginatese-Lecco: i ricordi di stagioni andate

Il derby dell’Adda fra Olginatese e Lecco, che si gioca domenica 19 marzo, pomeriggio, ad Olginate, porta lontani ricordi del campionato di promozione Lega Nord – Girone C 1949/1950. Per i blucelesti del Lecco è stato un campionato strepitoso, il più ricordato nella storia ultracentenaria della società bluceleste, dopo le annate “auree” delle presenza in serie A ed in serie B. Per l’Olginatese, invece, fu un campionato triste perché terminò all’ultimo posto in classifica, con solo 11 punti, retrocedendo alla serie inferiore.

Una formazione del Lecco anni dopoguerra 1945; il cannoniere Guido Capello è il primo a sinistra, in ginocchio.
La foto è stata scattata al vecchio “Cantarelli, oggi stadio Rigamonti-Ceppi

    Il Lecco dei primati fu largamente primo in classifica con 49 punti e 93 reti realizzate. E’ stato un campionato di record per il Lecco: realizzò la maggiore vittoria esterna vincendo per 9 a 2 con l’Orceana, squadra della provincia di Brescia: quattro reti furono del cannoniere Capello, poi andarono in porta Redaelli, Stellini, Corradi, Ghedini e Cornea. La vittoria record interna fu di 6 a 0 contro il Merate; il Lecco raggiunse anche il primato delle partite utili consecutive: ben 14.
    Nelle file del Lecco si distinse l’attaccante Capello che aveva giocato nel Torino. Segnò 30 reti: era il capo cannoniere del campionato. La stampa scriveva “piccolo di statura, dotato di classe e di astuzia, di un tiro preciso e violento, ottimo anche nel gioco di testa”. A Lecco era giunto nel 1946/1947, dopo aver giocato come ala destra, negli anni di guerra, nel Torino, avendo come compagni Loik, Gabetto, Mazzola ed Ossola. Nel campionato 1945/1946 aveva giocato nel Como in serie B. A Lecco era già stato in serie B nel campionato 1946/1947, ma dopo essere passato alla Pro Sesto, tornava a Lecco per il campionato 1948/1949 in Quarta Serie. L’anno dopo il boom del campionato di promozione in serie C. Guido Capello deve essere ricordato nella storia del Lecco Calcio per essere stato per ben 12 anni allenatore in seconda nel periodo della serie A e B. Assunse l’incarico nel campionato 1955/1956 e lasciò Lecco nel luglio 1967, dopo aver conquistato, con la formazione De Martino, il titolo tricolore della categoria. Era stato il vice di Angelo Piccioli.

Una partita fra blucelesti e bianconeri di un campionato lontano

    Ben diverso è stato il campionato dell’Olginatese 1949/1950, che terminava nel ruolo di Cenerentola del girone. La squadra giocava ancora sul vecchio rettangolo alle spalle del municipio dove, nel 1960 è sorto il nuovo complesso scolastico della media. Il torneo vedeva diverse squadre del territorio lombardo vicino a Lecco ed a Olginate come Merate, Cantù, Mariano Comense, Vimercate, Meda, Menaggio, Melzo.
    Il compianto Luigi Gilardi, la “voce del cuore” di Olginate, cronista nel tempo libero della sua avviata attività di panificio nel centro paese, scriveva nel giugno 1950 su un periodico di allora: “indubbiamente quest’anno si è fatto un magro campionato ed il calcio olginatese ha scritto una pagina minore della sua storia. Comunque … coraggio, forza, Olginatese, è un ruolo difficile ma con impegno e molto onore bisogna risorgere”. Un appello che, a tanti anni di distanza, può valere oggi, sia per i blucelesti che per i bianconeri dalla caratteristica maglia a “quadri”, vista l’attuale condizione di classifica di entrambe le formazioni.
A.B.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco