Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 24.718.368
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 20 aprile 2017 alle 12:48

Mandello, biliardo: al circolo ''La Dolce Vita'' il memorial Solimine

Si sono svolte nella giornata di sabato 15 aprile presso il circolo di biliardo de "La Dolce Vita" di Mandello del Lario, le finali del "7° memorial Pasquale Solimine" riservato agli atleti di terza categoria specialità italiana 5 birilli ai 100 punti e del "2° memorial Angelo Lo Coco" riservato agli atleti delle categorie di eccellenza, prima e seconda, specialità di gioco italiana 5 birilli ma ai 120 punti.

A dirigere le gare gli Arbitri del Comitato di Como, e quindi Carlo Corbetta, Vincenzo D'Angelo, Domenico Pinto e Enrico Zorlone, coordinati dal Direttore di gara Maurizio Riviera.

Vincitore del "Solimine" è stato quindi Ivan Sala del c.s.b Billiards Club di Desio, che ha sconfitto in finale per 100 a 75 il rappresentante del c.s.b. Riky Club di Milano Claudio Sponza; terzo posto conquistato invece da Michele Bevilacqua del c.s.b. Top Green di Varese, mentre un ottimo ed entusiasmante quarto posto se lo è aggiudicato Emanuele Lo Coco, portacolori del c.s.b. La Dolce Vita. Da sottolineare anche la bella prova di Nicolaj Ciofolo, altro rappresentante della Dolce Vita che ottiene un interessante sesto posto.

Passando al memorial Lo Coco, a conquistare il primo posto in una finale conclusa all'ultimo tiro (120 a 115) è stato Paolo Marcolin del c.s.b. Massè di Sesto Calende, che ha avuto la meglio su Antonio Girardi del c.s.b. Lucas's Club di Cantù, recente vincitore della prova B.T.P. di Firenze per la categoria Nazionali; al terzo posto si classificato Riccardo Valloni del c.s.b. 4 giugno di Milano e quarta piazza per l'uruguaiano Eliomar Berrutti, rappresentante del c.s.b. Herris Club di Rovato.

In entrambe le finali, pur con le dovute differenze tecniche, quello che è balzato all'occhio è stata la volontà di tutti gli atleti di fare del proprio meglio per agguantare il miglior risultato possibile, ma senza mai perdere di vista la sportività.

Emozione e commozione, infine, si sono fatte largo durante le premiazioni per il ricordo dei due amici, Pasquale Solimine e Angelo Lo Coco.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco