Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 35.815.886
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 05 giugno 2017 alle 14:19

Rota: ai neodiciottenni di Calolzio e Olginate consegnata la Costituzione, per leggerla e 'viverla'

L'Istituto superiore Rota per il quarto anno consecutivo ha ospitato, a pochi giorni dalla ricorrenza del 2 Giugno, la cerimonia di consegna della Costituzione agli alunni neodiciottenni, residenti nei comune di Calolzio e Olginate. L'iniziativa, promossa dalle due amministrazioni (rappresentate dai sindaci Cesare Valsecchi e Marco Passoni e dai rispettivi assessori Massimo Tavola e Paola Viganò) con il pieno supporto della dirigenza scolastica, si è aperta e poi chiusa sulle note dell'Inno nazionale, capace di conferire solennità all'evento, seppur ospitato in un contesto "famigliare" come il plesso del Lavello.

"Mai come quest'anno si è parlato tanto di Costituzione" ha ricordato, facendo gli onori di casa, la preside Daniela Frittita, facendo esplicito riferimento al tema del referendum rimasto a lungo al centro dell'attenzione politica e mediatica prima che i riflettori - a seguito della netta bocciatura della riforma sancita dal voto popolare - tornassero a spegnersi. "Eppure - ha proseguito la dirigente - c'è ancora bisogno di parlare di Costituzione: meriterebbe più spazio nei programmi scolastici, non solo nelle ore di diritto", per permettere ai ragazzi non solo di studiarne i contenuti ma anche di "interiorizzare i principi fondamentali".

Quei valori che - come evidenziato dal professor Tavola, nella sua duplice veste di insegnate e vicesindaco - sono propri del popolo italiano e che le amministrazioni di Calolzio e Olginate voglio trasmettere, tramite il gesto della consegna della Carta Costituzionale, non tanto ai cittadini del domani quanto piuttosto ai ragazzi quali "protagonisti dell'oggi".
Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):

Due dunque gli inviti rivolti ai diciottenni: il primo cittadino calolziese ha pregato loro di leggere i diversi articoli, in grado di esplicitare i diritti ma anche i doveri di ciascuno. Il "collega" di Olginate, ha invece esortato gli studenti a vivere i contenuti della Costituzione cioè a impegnarsi per il bene comune. "Io lo faccio da sindaco ma ci sono 1.000 altri modi per farlo. Abbiamo bisogno di voi" ha sottolineato, spronando i giovani a "vivere il paese e a cercare di trasformarlo". "Questo è il vostro tempo: io ho 40 anni, 22 più di voi. Alcune mie idee sono già vecchie, in 22 anni è cambiato il mondo. Vi auguro di impegnarvi" ha proseguito ricordando come sia stata proprio la sua professoressa di diritto alle superiori a spingerlo, spiegando con passione la Costituzione, ad attuarla fino a scegliere di candidarsi a sindaco.

Ad uno ad uno con l'appellativo "cittadino" davanti al nome, i ragazzi sono poi sfilati ricevendo il libretto dai sindaci e stringendo la mano alla preside e ai rappresentanti dell'Arma, con due militari effettivi e una delegazione dell'Associazione Nazionale Carabinieri presenti appositamente a scuola, per un momento che, si spera, resterà impresso nella memoria degli alunni, entrati ufficialmente nel mondo degli adulti.
A.M.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco