Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 64.541.442
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Sabato 14 luglio 2018 alle 18:04

Salvini a Barzago: ha messo i suoi soldini nel motore?

Abat jour che diffondono  luce blu?  No !  Sono le macchine del capo nazionale della Lega Nord, nonchè Ministro dell’Interno Salvini, della sua scorta e forse anche dei portaborse e portavoce personali, che sfrecciando vanno verso Barzago alla “Lumbard Fest” del suo Partito. Bene, anche perché, a mio avviso, è importante e doveroso che chi fa politica si faccia carico e colga le occasioni per stare in mezzo ai propri militanti e ai cittadini.  Fare ciò tra gli impegni istituzionali e quelli politici costa molta fatica anche per l’agenda che spesso e volentieri è intasata da impegni, ma ciò non toglie che chi ha scelto e voluto la bicicletta debba pedalare senza spinte e favori coercitivi da parte di altri.
Una festa di Partito di solito costa molta fatica ai militanti volontari che generosamente e gratuitamente mettono a disposizione ferie e non solo per poter realizzarla –io ne son ben qualcosa –  E’ bene quindi che i dirigenti nazionali vi partecipino, specialmente in quelle che si tengono nei piccoli comuni e non solo in quelle delle grandi città che vedono l’interessamento di TV e carta stampata. Nulla da obiettare quindi sulla venuta del Ministro Salvini in quel di Barzago.
Colgo però l’occasione di questa trasferta impegnativa di Matteo Salvini in quel di Barzago, ma ancor più in relazione alle molteplici trasferte in giro per l’Italia del Ministro dell’Interno, effettuate non per impegni istituzionali, ma come capo politico della Lega Nord, per domandare pubblicamente: chi paga il costo del carburante e di tutti gli annessi e connessi ? E’ chiaro a tutti che la politica ha dei costi, ma sarebbe oltremodo di dubbia legalità utilizzare “mezzi e risorse pubbliche a scrocco”.
La Lega Nord già, stando ai dispositivi della procura di Genova, dovrebbe riconsegnare allo Stato 49milioni di euro per un uso improprio dei rimborsi elettorali, ma dice di non averli più, in quanto spesi e che ha le casse vuote; allora chi paga il carburante e quant’altro a Matteo Salvini, quando svolge il ruolo di capo politico e non di Ministro? Non è che queste spese di carburante sono poi magari distorte dallo scarso badget di risorse disponibili per la benzina dei mezzi necessari alle forze dell’ordine?
G.Carlo Bandinelli
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco