Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 64.556.898
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 17 agosto 2018 alle 11:56

Morterone: Formaggi d'Autore in quota e Campionato dei cani da pastore per bovini

Tornano gli appuntamenti in alpeggio di "Valsassina: la Valle dei Formaggi", che questa settimana va alla scoperta di Morterone e della tradizione della transumanza. Sabato 18 agosto è in programma la Festa dell’Alpeggio e la IX edizione del Campionato dei Cani da pastore per Bovini, mentre per tutto il weekend, quindi sia sabato 18 sia domenica 19 agosto, i percorsi della transumanza saranno protagonisti di Formaggi d’autore in quota, che coinvolgerà l’Agriturismo Costa del Palio e la Trattoria Cacciatori, dove saranno serviti gustosi menù a base di formaggio d’alpe.

Clicca sull'immagine sottostante per ingrandirla



La gara dei cani da lavoro di sabato 18 agosto avrà inizio alle ore 14.00 e si concluderà alle ore 16.30. I partecipanti dovranno iscrivere il proprio cane obbligatoriamente munito di microchip: in caso non ne fosse munito, sarà presente sul posto un veterinario libero professionista, affiancato da uno del Dipartimento di Prevenzione Veterinaria ATS, che provvederanno a disporlo. 3 giudici avranno la mansione di indicare al padrone il compito che dovrà svolgere l’animale all’interno del ring, nel quale sarà presente la mandria di vacche. In gara, ogni partecipante dispone di 1 minuto di tempo per spostare o radunare il bestiame, tramite l’utilizzo del proprio cane. Tutti i concorrenti ottengono un punteggio, dato dalla giuria, che valuta la performance in base ai seguenti punti: l’animale deve eseguire perfettamente l’ordine del padrone; non deve in alcun modo danneggiare le vacche mordendo o graffiando; deve immediatamente rientrare nel momento in cui viene richiamato; si valuta inoltre la velocità, la precisione e la complicità che vi è fra cane e padrone. Questi indici di valutazione permettono di stilare una classifica e a ogni partecipante viene dato un riconoscimento. I primi 16 ricevono un campanaccio di valore decrescente in base alla posizione in graduatoria, mentre a tutti gli altri viene dato un presente, che può essere del materiale destinato al cane o destinato al lavoro di allevatore. I premi sono delle donazioni da parte del Comune, della Comunità Montana e di titolari di attività private che ogni anno sostengono la manifestazione. Questa iniziativa è conosciuta a livello lombardo ma nel passato vi hanno aderito anche partecipanti da fuori regione. Non attira solo allevatori che gareggiano, ma anche molte persone incuriosite dalla manifestazione considerata quasi uno spettacolo; infatti, per chi non conosce il mondo dell’allevamento è davvero incredibile vedere quel legame e quella comprensione che c’è fra uomo e animale, pur non esprimendosi con lo stesso linguaggio. Sono molti i giovani, sia ragazzi sia ragazze, che amano la montagna e l'allevamento, e partecipano a questa manifestazione cercando di dimostrare con passione il lavoro che quotidianamente i cani svolgono con la propria mandria bovina. Il valore aggiunto dell'iniziativa è proprio la valorizzazione di un antico mestiere, ancora oggi importantissimo per le nostre alture. Insomma una sorta di grande festa, più che una gara, nella quale il turista ha la possibilità di conoscere e capire quanto sacrificio si nasconda dietro a questi umili e adorabili cani che quotidianamente lavorano a fianco degli alpeggiatori.


Uno scatto dell'evento "Dal Tibet alle Grigne- Arte e Sapori in Cammino"

Per tutti i dettagli sugli eventi di “Valsassina: la Valle dei Formaggi”, per scoprire l’elenco completo dei rifugi che partecipano a “Formaggi d’autore in quota. Camminare con gusto fra casere e rifugi” e i loro gustosi menù, visitare il sito www.valsassinalavalledeiformaggi.it e seguire la Pagina Facebook di Turismo Valsassina. Una particolare citazione merita l'evento “Dal Tibet alle Grigne – Arte e Sapori in Cammino” ospitato dal Caseificio Invernizzi Daniele lunedì 13 e martedì 14 agosto. Inserito nel calendario degli Appuntamenti Gastronomici di Valsassina: la Valle dei Formaggi, è stato organizzato in collaborazione con la fondazione Global World of Music and Arts sostenuta da Simona Bocchi, direttrice degli eventi in Italia. I partecipanti hanno potuto assistere alla creazione del mandala propiziatorio realizzato dalle abili mani dei Monaci Tibetani con milioni di granelli di sabbia colorata. Non è mancato il gusto, grazie alla rivisitazione dei Momos tibetani in chiave valsassinese: questi tipici ravioli sono stati proposti con un gustoso ripieno a base di formaggio d’alpe ed erbe aromatiche.



Fino alla fine di settembre sarà inoltre possibile visitare, nel centro storico di Pasturo, la mostra “Itinerari delle mani, della mente, del cuore”, un vero e proprio viaggio per immagini alla scoperta della secolare tradizione agricola e casearia della Valsassina. “Valsassina: la Valle dei Formaggi - Slow Life & Food” è un progetto che mira a promuovere il territorio in chiave turistica, gastronomica e culturale lanciando un marchio di qualità per valorizzare la storica e tradizionale filiera lattiero-casearia. Ispirato dal volume “Arte casearia e zootecnia. Tradizioni da leggenda in Valsassina” di Giacomo Camozzini, Michele Corti e Pietro Buzzoni, pubblicazione che raccoglie un'approfondita ricerca storica, vede l'importante e diretto il coinvolgimento di: Comunità Montana Valsassina Valvarrone Val d’Esino, Riviera e Centro Zootecnico della Valsassina e della Montagna Lecchese, Comune di Ballabio, Comune di Casargo, Comune di Cassina Valsassina, Comune di Cremeno, Comune di Cremeno, Comune di Moggio, Comune di Morterone, Comune di Pasturo, Comune di Premana, Comune di Primaluna. Supportano l’iniziativa, patrocinata Slow Food e Regione Lombardia, Acel Energie, Bcc Cremeno, Silea e le aziende casearie della Valsassina: Cademartori, Carozzi, Gildo, Invernizzi Daniele, Vittorio Doniselli e For-Mac Milesi.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco