Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 52.486.292
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Sabato 15 settembre 2018 alle 17:02

Lecco: la ''Scigamatt'' invade la città con l'entusiasmo e la pazzia dei suoi 1.000 partecipanti

Un mix di ostacoli naturali e artificiali, vicoli stretti e tortuosi, e poi ancora reti, copertoni, balle di fieno, funi, container colmi di sabbia, tronchi, fiumi d'acqua e altrettanti di fango. Insomma, per cimentarsi in questa sfida bisogna essere molto allenati, molto temerari o semplicemente... molto (sciga)matti.

È infatti ritornata nel pomeriggio odierno, con la stessa dose di entusiasmo e bizzarria di sempre, l'immancabile "Scigamatt", l'urban trail in salsa lecchese che ogni anno colleziona sia numeri da record che incredibili performance tra le arterie della città. Con un totale di quasi mille partecipanti, una sessantina di volontari per il servizio ristoro e oltre 180 "addetti ai lavori" disposti lungo il percorso, l'ottava edizione della manifestazione ha preso ufficialmente il via fin dalla mattina di sabato, grazie al chiassoso ScigaVillage che - nel cuore Piazza Garibaldi - ha permesso al pubblico di curiosare tra gli stand dei partner ScigaMatt del Campionato Italiano MudRun.




Per quanto riguarda il percorso, ancora una volta le centinaia di impavidi runners hanno potuto scegliere tra due opzioni: la più breve “Scigamini”, di "soli" otto chilometri ed inaugurata da Piazza Garibaldi, è proseguita affiancando il lungolago, per poi risalire da Piazza XX settembre toccando piazza Cermenati, la Basilica di San Nicolò e ancora il Liceo Grassi, il Palladium e Palazzo Belgioioso, fino ad Acquate. A mettere alla prova i veri campioni di resistenza ci ha pensato invece il "percorso lungo" di 11 chilometri che, prima di dirigersi verso la linea del traguardo ad Acquate, si è spinto fino alle località di Movedo, Falghera e Malnago.

VIDEO





“Siamo soddisfatti della riuscita di questa edizione” ha commentato Mattia Panzeri, responsabile dell’organizzazione. “Abbiamo iniziato a preparare la Scigamatt di quest’anno dal mese di febbraio e fin da subito abbiamo visto la collaborazione di quindici organizzatori e centinaia di volontari sia per il servizio lungo il percorso che per la cucina. Per quanto riguarda il tragitto, la novità di quest’anno è stato il tratto immerso nel bosco che i runners della Scigamatt hanno dovuto superare spingendosi fino ad alcune località lecchesi e che ha riservato loro dei grossi e nuovi ostacoli” ha poi concluso, tornando ad occuparsi dell’organizzazione delle partenze mentre alle sue spalle prendevano posto sul palco il Sindaco Virginio Brivio ed il parroco, per il saluto iniziale.




Ed ecco così che allo scoccare delle ore 15 i festeggiamenti hanno finalmente preso il via. Primi a scattare dai blocchi di partenza sono stati i concorrenti della cosiddetta ScigaMUD, competizione inserita nel Campionato Italiano OCR che - organizzato da Italian Sport Lab - riunisce le migliori corse OCR agonistiche italiane.

Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):

A seguirli, con solo 30 minuti di differita e scaglionati in batterie da 100 corridori, centinaia di coloratissimi atleti di ogni età, prima raccolti sotto l'arco del via e, in pochi secondi, accompagnati dalle ovazioni del pubblico nella loro forsennata corsa alla vittoria. Una staffetta fatta di risate, pacche sulle spalle, ma soprattutto di quegli intrepidi 36 ostacoli pronti ad essere superati dai partecipanti: dagli immancabili “Muur de paja” e "Ramada", fino alle barriere dai nomi più originali e bizzarri, come il "Sektember Fest", lo "Stroncami", il "Giò di Ball" o ancora il "Donkey Kong".




In poco meno di dieci minuti Lecco si è così ritrovata invasa da gruppi di ballerine con tanto di tutù svolazzanti, storici personaggi di Star Trek, esperti nuotatori armati di cuffia ed occhialini, e poi ancora “galeotti” in divisa a righe, grappoli d’uva a misura d’uomo, coraggiosi vichinghi e, sì, se capitava, anche alcuni atleti con tanto di divisa sportiva da corsa, vere “mosche bianche” all’interno del carnevale firmato Scigamatt. A sfidarli, insieme agli insormontabili ostacoli posti qua e là lungo il percorso, sono state anche le originali “barriere umane” che per il secondo anno consecutivo hanno placcato i runners rendendo ancora più avvincente la gara più pazza della città: a svolgere egregiamente il ruolo di “disturbatori” sono stati infatti ancora una volta i giocatori di american football del team Commandos Brianza - tutti bardati con casco e paraspalle per non fare sconti a nessuno – e gli amici di Avis Lecco che, mascherati da globuli bianchi e rossi, hanno dato del filo da torcere ai runners con l’aiuto di alcuni alleati speciali: decine di bambini, “reclutati” per dare una mano e muniti di simpatici strumenti giocattolo per aiutarli nel loro compito. 




Ad attenderli al rione di Acquate sarà la linea d'arrivo, posta al centro di un oratorio per l'occasione gremito di gente, gustose pietanze e della musica live curata da Dj Oldani: lì i più rapidi tra i folli podisti lecchesi riceveranno il tanto agognato premio, mentre per tutti gli altri il trofeo portato a casa sarà meno tangibile ma decisamente di egual valore. Come ricordato dagli organizzatori, infatti, "lo spirito di questa corsa è la sfida con sé stessi, la voglia di misurarsi con gli altri e non contro gli altri, la possibilità di confrontarsi con i propri limiti, le proprie paure e di superare ogni ostacolo anche con l'aiuto degli altri partecipanti". Il tutto in un clima di divertimento, unione e solidarietà che non potrebbe essere riassunto in modo migliore se non attraverso il tradizionale motto "stay matt, or go home".
F.A. - C.Ca.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco