Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 54.247.014
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 12 ottobre 2018 alle 14:01

Calolzio-Monte Marenzo: il Carpine è 'osservato speciale', vertice in Prefettura per prevenire smottamenti e esondazioni

Nelle mattinata odierna, presso il Palazzo del Governo di Corso Promessi Sposi a Lecco, il Prefetto Liliana Baccari, ha presieduto una riunione, richiesta dai Sindaci dei comuni di Calolziocorte e Monte Marenzo, i quali hanno segnalato una situazione di pericolosità a seguito di smottamenti registratisi lungo il torrente Carpine.
L'incontro fa seguito al sopralluogo che il Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco ha svolto, nel territorio oggetto della segnalazione, alla presenza dei primi cittadini e dei tecnici dei comuni coinvolti.

All’appuntamento odierno hanno preso parte anche  il Questore, il Comandante provinciale dei Carabinieri, il Comandante provinciale della Guardia di Finanza, il Comandante provinciale dei Vigili del Fuoco, il Dirigente del servizio di Protezione Civile della Regione Lombardia ed il dirigente della protezione Civile della Provincia di Lecco. 
In apertura, il Prefetto, nel richiamare all'attenzione degli interlocutori presenti gli interventi che negli anni passati hanno già interessato il torrente Carpine, ha invitato il Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco ad esporre gli esiti del sopralluogo esperito, per valutare compiutamente le più adeguate soluzioni di messa in sicurezza dell’area di interesse.

L’ingegner Giuseppe Biffarella, evidenziando la parziale occlusione con rocce e detriti di due briglie trasversali all’alveo del torrente, ha rappresentato l’opportunità di porre in essere interventi di manutenzione anche attraverso lo svuotamento e la pulizia delle aree retrostanti le grate in modo che l’eventuale smottamento di materiale detritico possa riversarsi e adagiarsi nel letto del torrente, nonché attraverso un monitoraggio strumentale dell’area soprattutto in presenza di situazioni meteorologiche avverse.
Ciò consentirà, anche con il peggiore scenario di frana, di provvedere alla messa in sicurezza delle persone e dei luoghi con gli ordinari tempi tecnici.
Il Dirigente del Servizio di Protezione Civile della Regione Lombardia ha espresso la disponibilità a finanziare, nel corso del prossimo anno, una progettazione condivisa dei due Comuni per una stabilizzazione duratura dell’area interessata dal fenomeno degli smottamenti.
Gli interlocutori presenti hanno espresso apprezzamento per l’esito della riunione e per le indicazioni operative rappresentate nel corso dell’incontro.
La situazione relativa all’area del torrente Carpine, che ha peraltro formato oggetto di una recentissima esercitazione di Protezione Civile, continuerà ad essere attentamente seguita.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco