Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 56.025.605
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Sabato 10 novembre 2018 alle 10:36

Vercurago: serata 'in rosa' con la Lilt per parlare di tumore al seno e prevenzione

Una serata speciale, quella del 9 novembre, per la comunità di Vercurago che si è tinta di un solo colore in occasione della Campagna Nazionale Nastro Rosa per la prevenzione dei tumori femminili.

Al microfono Gerolamo Lozza

Presso l'oratorio è stato organizzato dalla LILT, Lega italiana per la lotta contro i tumori, un incontro con la collaborazione del Comune, della Commissione Politiche Sociali e delle Parrocchie del paese, del Pascolo e di Somasca. Protagonista è stata la Dr.ssa Maria Luisa Livello, specialista in Ostetricia e Ginecologia affiancata dalla vicepresidente del sodalizio promotore, Limonta Rosalba e da altre volontarie del gruppo. A prendere la parola - dinnanzi ad una nutrita platea di vercuraghesi - ad inizio conferenza è stato Gerolamo Lozza, responsabile della Commissione Politiche Sociali, seguito dal vicesindaco Davide Maggi orgogliosi di aver contribuito al "confezionamento" di questa serata dalla tematica nobile e rilevante.

La vicepresidente della Lilt di Lecco Rosalba Limonta con la Dr.ssa Maria Luisa Livello e alcune volontarie

Come ha spiegato la vicepresidente Limonta Rosalba, la LILT è l'associazione che dal lontano 1922 si dedica senza sosta alla diffusione della cultura della prevenzione che a oggi resta l'arma più efficace per vincere il cancro. Ci consente infatti di vivere bene e più a lungo: non solo salva la vita impedendo l'insorgenza di una malattia o ritardandone l'evoluzione ma evita anche la sofferenza e l'utilizzo di farmaci spesso debilitanti. Sono due i tipi di prevenzione di cui la LILT si occupa: la prevenzione primaria che viene concretizzata attraverso le numerose iniziative come la Campagna Nazionale Nastro Rosa e la Campagna Nastro Azzurro rivolta al pubblico maschile nonché altre proposte sul territorio volte a sensibilizzare maggiormente le persone, compresi i più piccoli con i numerosi progetti a scuola che sono stati attivati negli ultimi anni. Vi è poi la prevenzione secondaria che consiste nella diagnosi precoce, ovvero in una serie di visite ed esami volti a individuare formazioni pretumorali o tumori allo stadio iniziale. A tal proposito la LILT Sezione Provinciale di Lecco onlus effettua visite di prevenzione oncologica alla cute, al seno, al cavo orale, urologiche e ginecologiche. L'obiettivo è ridurre la mortalità, migliorare la qualità della vita del malato oncologico e contenere l'invasività degli interventi.

Nel corso della serata la dottoressa Maria Luisa Livello ha parlato dei vari tipi di tumori femminili, partendo da quello all'ovaio fino ad arrivare al grande killer, il cancro al seno. Diversi sono i fattori di rischio che possono portare a tali malattie e tra questi, ad occupare le prime posizioni sono quasi sempre il fumo, un'alimentazione sbagliata e abitudini sessuali scorrette. Ma vi sono anche diversi fattori protettivi che possono quindi diminuire il rischio di ammalarsi come lo sono per esempio la gravidanza, l'allattamento e l'attività fisica. È stata affrontata poi un'altra tematica che in questo periodo è stata molto dibattuta ovvero quella dei vaccini che sono un ottimo modo di agire sul piano della prevenzione, non solo per proteggere il singolo ma anche tutto il resto della popolazione.

A destra il vicesindaco Davide Maggi

"Il tumore femminile non so se sia nelle nostre mani, ma so per certo che è nel nostro frigorifero, nei nostri piedi e nelle nostre relazioni". Così la dottoressa Maria Luisa Livello ha risposto al quesito cardine della serata, "Il tumore è nelle nostre mani?", mettendo a fuoco quali sono le principali raccomandazioni per evitare il cancro. Mantenere un peso adeguato, svolgere attività fisica, seguire un'alimentazione corretta limitando cibi pronti, bevande zuccherate e alcool... È quindi la prevenzione che riguarda soprattutto gli stili di vita che si presenta come l'arma più potente per combattere i tumori.
V.P.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco