Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 67.759.221
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 15 novembre 2018 alle 18:57

Nel 2017, 22.000 persone hanno usato stupefacenti, ma gli accessi al SERT di Lecco sono solo 707: le azioni possibili

Su un totale di circa 212.000 persone considerate nel territorio lecchese, nel solo 2017 22.000 hanno fatto uso di una sostanza stupefacente: il fenomeno, in linea con i dati nazionali, riguarda in modo particolare la fascia di età compresa tra i 15 e i 24 anni (più di 8.000 ragazzi), in cui spicca soprattutto il consumo di cannabis. A preoccupare gli esperti “nostrani”, però, è anche il basso numero di casi trattati direttamente dal SERT, il Servizio per la Prevenzione e la Cura delle Tossicodipendenze, che lo scorso anno ha preso in carico soltanto 707 persone, 106 delle quali al primo accesso in assoluto e per la gran parte (85% del totale) di sesso maschile. Un numero “irrisorio”, come non ha esitato a dichiarare il dr. Asghar Masoudi, dirigente medico del SERT di Lecco intervenuto nel pomeriggio di oggi, giovedì 15 novembre, a un convegno organizzato presso l’Aula Magna dell’Ospedale Manzoni dal titolo “Cannabis: consumo rischioso e intervento precoce”.

Il dr. Franco Riboldi (Direttore UOC Rete Dipendenze di ASST Lecco e Responsabile del SERT di Lecco e Merate) e il dr. Asghar Masoudi

Un’importante occasione, questa, per riflettere in primis sull’opportunità – sempre più al centro di dibattiti nell’opinione pubblica – di rendere legale l’utilizzo della cannabis e di sfruttarla a scopo terapeutico, ma anche per approcciare dal punto di vista scientifico i possibili danni correlati ai prodotti psicoattivi di questa sostanza, specialmente nei giovani. “La cannabis costituisce indubbiamente lo stupefacente più consumato, tanto in Italia quanto sul nostro territorio” ha argomentato il dr. Masoudi. “Stando ai dati statistici, il suo utilizzo si ripete per un minimo di cinque volte, con una spesa che può raggiungere anche i 50 euro, notevole per la fascia di età tra i 15 e i 24 anni che stiamo prendendo in considerazione. In un contesto simile, il basso numero di interventi messi in atto al nostro SERT deve farci innanzitutto riflettere sulla necessità di lavorare verso una nuova organizzazione di questo sistema, soprattutto in un’ottica preventiva”.

È andata proprio in questa direzione, dunque, la firma di un importante Protocollo d’Intesa tra la Prefettura di Lecco e l’Ufficio Scolastico, finalizzato a rafforzare la collaborazione esistente tra i soggetti che a vario titolo operano nel settore delle dipendenze e l’approccio educativo multidisciplinare, definendo allo stesso tempo modelli operativi per migliorare la qualità degli interventi di contrasto al fenomeno con un’immediata e fattiva sinergia con le forze dell’ordine. “L’idea è proprio quella di dare alla prevenzione un valore prioritario, in una prospettiva educativa, di informazione e responsabilizzazione, anziché di repressione” ha commentato la dr.ssa Adalgisa De Marco, assistente sociale del Nucleo operativo delle tossicodipendenze della Prefettura di Lecco. “Il Protocollo contiene dunque una serie di strategie condivise con le scuole e le forze dell’ordine, ma anche, per esempio, con l’ASST e i Servizi Sociali comunali, per garantire l’effettiva attuazione a livello territoriale di programmi di provata efficacia. Vi trovano spazio, poi, anche diverse ipotesi operative disciplinate da apposite leggi, che prevedono – tra le altre cose – un contatto diretto e privilegiato tra i dirigenti scolastici e le forze dell’ordine, ad esempio nel caso in cui si verifichino all’interno o nei pressi di un istituto episodi correlati all’assunzione di sostanze stupefacenti”. Se, come dicevamo, gli accessi al SERT continuano ad essere numericamente limitati, l’auspicio è che si possa assistere a un cambio di passo già nel prossimo futuro grazie a #quindiciventiquattro, un Centro di ascolto psicologico per famiglie e ragazzi – appunto di un’età compresa tra i 15 e i 24 anni – recentemente aperto in via dell’Eremo 28 a Lecco grazie a una sinergia tra il Comune (in particolare con il servizio di “Informagiovani”) e l’ASST: uno spazio pensato al fine di agevolare un’intercettazione precoce del disagio e di tutti quei fattori di rischio che potrebbero portare (o hanno già portato, ma non a livelli patologici) i giovani a fare uso di stupefacenti. “L’obiettivo è proprio quello di agire a monte, di affrontare il problema “spingendo” il servizio verso i ragazzi, se questi non lo raggiungono da soli” ha spiegato la dr.ssa Carmen Baldi, psicologa del CPS di Lecco.

La dr.ssa Adalgisa De Marco e la dr.ssa Carmen Baldi

“#quindiciventiquattro intende andare oltre la “settorializzazione” del fenomeno, per favorire le relazioni con interlocutori, piuttosto che con “censori”, e cercare di risolvere per tempo un disagio che, quando sfocia nel consumo di sostanze stupefacenti, finisce per avere un’alta correlazione con disturbi psichici che, soprattutto nell’adolescenza, possono avere conseguenze fisiche importanti. I fattori di rischio sono estremamente vari: ansia, depressione e atteggiamenti di “ribellione”, ma anche conflitti o problemi familiari, fallimenti scolastici, fenomeni di bullismo e utilizzo di droghe tra i coetanei, un aspetto, quest’ultimo, che deve vederci pronti ad intervenire anche con azioni di gruppo, in rete con le scuole e attraverso gli strumenti mediatici”. Il Centro di via dell’Eremo accoglie liberamente ragazzi e ragazze con le loro famiglie grazie alla presenza di un’equipe di professionisti composta da psicologi specializzati in quattro diversi settori, nonché da un infermiere e da un tecnico esperto in percorsi di riabilitazione: è aperto tutti i martedì e i giovedì dalle 14.00 alle 16.00, con accesso libero e gratuito.
B.P.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco