Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 59.345.254
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 20 novembre 2018 alle 16:30

Lecco: al Manzoni, il 24 un convegno sui linfomi aggressivi

Il 24 novembre, presso l’Aula Bianca dell’Ospedale Manzoni di Lecco, si svolgerà con il patrocinio della Rete Ematologica Lombarda e di Omceo Lecco la 10^ "Giornata oncoematologica lecchese", con al centro il convegno intitolato “Focus sui linfomi aggressivi: stato dell’arte 2018”. L’evento prevede la partecipazione della Dott.ssa Enrica Morra, coordinatrice scientifica della Rete Ematologica Lombarda e di altri esperti nazionali in materia. I linfomi sono la quinta neoplasia per frequenza nel mondo occidentale e dopo un notevole incremento negli ultimi decenni l’incidenza si sta attualmente stabilizzando, pur rimanendo elevata soprattutto con l’aumentare dell’aspettativa di vita. Numerosi sono i tipi di linfomi, ma il 40% circa è rappresentato da quelli aggressivi ‘Non Hodgkin’.



“Nel nostro territorio l’incidenza dei linfomi sembra essere maggiore e presso l’Unità Operativa Semplice di Oncoematologia seguiamo circa 900 pazienti affetti da Linfomi Non Hodgkin” – spiega la Dr.ssa Paola Ferrando, Responsabile della UOS di Oncoemtologia di ASST Lecco. “Negli ultimi anni la sopravvivenza dei pazienti è aumentata grazie all’avvento dei farmaci a bersaglio molecolare, come gli anticorpi monoclonali, ma sono necessarie ulteriori strategie terapeutiche per migliorare ancora i risultati e in particolare per ridurre il rischio di recidive. Da qui la necessità di insistere nella ricerca scientifica per ottimizzare la gestione e la terapia dei pazienti affetti da queste patologie e di organizzare momenti di informazione destinati non solo a chi opera in questo settore ma anche, più in generale, a tutta la cittadinanza. Non per nulla l’aggiornamento continuo è uno dei punti di forza della UOC di Oncologia della nostra Asst”.



Negli ultimi 10 anni l’attività di oncoematologia presso l’Asst di Lecco è progressivamente aumentata. Sono circa 2800 i pazienti attualmente in cura, motivo per cui la UOS di Oncoematologia e l’Alta Specializzazione di Trapianto di Cellule Staminali rappresentano un punto di riferimento per l’intero territorio provinciale, facendo altresì parte del complesso sistema della Rete Ematologica Lombarda.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco