Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 57.303.571
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 03 dicembre 2018 alle 21:30

In 11 mesi 2.455 interventi per i Vigili del Fuoco, calano gli incendi ma aumentano i roghi d'auto e gli incidenti

Sul calendario 2018 dei Vigili del Fuoco di Lecco le giornate del 29 e 30 ottobre sono segnate - giustamente - in rosso: mentre ancora imperversava il nubifragio che ha flagellato il territorio, dal Lago alla Brianza, le sirene dei pompieri già suonavano con effettivi e volontari dispiegati dalla centrale operativa su una serie quasi infinita di fronti. 200 gli interventi annotati alla fine di una 48 ore di passione, tra tagli piante, materiale pericolante da rimuovere e allagamenti.

L'intervento del 21 luglio a Erve

Nel tirare le fila di un anno ormai prossimo a volgere al termine, in occasione come sempre dei festeggiamenti in onore della patrona Santa Barbara, sfogliando l'almanacco sono diverse le date "memorabili", con piccole e grandi imprese, compiute dagli operatori del Comando come le 12 ore consecutive passate a Mandello nella nottata del 16 novembre per gestire lo sversamento di sostanze pericolose fuoriuscite lungo la strada d'accesso a Maggiana da uno dei numerosi fusti persi da un camion oppure ancora la lotta contro il fuoco ingaggiata in una serata d'estate a Erve con 5 squadre di Lecco e Valmadrera chiamate a fronteggiare il rogo che ha divorato un'abitazione in legno. Non mancano poi momenti formativi come la maxi emergenza simulata all'interno della galleria Beverate che ha visto i VVF schierati al fianco dei volontari del soccorso e delle forze dell'ordine nel gestire una situazione - fortunatamente solo sulla carta - delicata oppure ancora la partecipazione dei pompieri nostrani a iniziative di carattere ludico come Macholandia a Costa Masnaga o il Fire Party a Merate, soprattutto per la gioia dei più piccini. Il tutto - come verrà evidenziato anche nella giornata di domani con un brindisi di protesta prima delle cerimonie ufficiali - con grande spirito di abnegazione da parte dei vigili dipendenti e di quelli volontari, con i primi che, arrivati a dicembre di un altro anno, non hanno ancora visto iniziare i sempre più necessari lavori per la costruzione di un "vero" Comando, nuovo e funzionale rispetto all'attuale problematica sede di piazza Bione. E il tutto, con risorse effettive più limitate, in termine di capitale umano, rispetto a quanto previsto dall'organigramma: l'ingegner Giuseppe Biffarella, dispone infatti di 7 caporeparto contro i 10 teorici assegnati a Lecco, 19 caposquadra che dovrebbero essere invece 30, 55 operatori permanenti che dovrebbero essere 56.

I mezzi fuori dalla sede di piazza Bione

Arrivati però - se ciò può consolare - nel corso del 2018 tre nuovi mezzi: si tratta di un furgone Mercedes Sprinter, di un rimorchio speciale adibito al prosciugamento di ambienti di grandi dimensioni e di un'autopompa a serbatoio di ridotte dimensioni.
2.455 gli interventi di soccorso tecnico urgenti effettuati complessivamente dal primo gennaio al 30 novembre con l'apertura di 3.123 schede. Entro San Silvestro si stima di arrivare a circa 2.680 uscite, in linea con i dati registrati nel 2017. Quanto alle proporzioni, Lecco ha gestito il 60% delle richieste, i volontari di Merate il 22%, quelli di Bellano il 10% e quelli di Valmadrera il 7%. Solo un 1% delle attività ha richiesto l'invio di personale di altri comandi.

Per continuare a "dare i numeri", nel corso dei primi 11 mesi del 2018 si è verificato un sostanzioso calo degli incendi (-28.5% sul totale) con 283 roghi etichettati come "generici", 139 relativi a sterpaglie, 138 per canne fumarie e ben 94 per autovetture con un incremento del 21% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Sensibile anche l'aumento degli indicenti stradali che hanno necessitato dell'intervento dei VVF: sono stati ben 338, +13.8%.
Qualche ulteriore dato: 262 le schede per tagli pianta, 198 per rimozione nidi di imenotteri e 143 per aperture porte. 47 poi, passando ai numeri più piccoli, gli smottamenti che hanno necessitato della presenza dei pompieri e 46 gli episodi di dissesto statico di elementi costruttivi. 12 i recuperi salma. 80 le fughe di gas. 21 gli indicenti sul lavoro. 25 gli ascensori bloccati e 132 i salvataggi di animali, con i gattini da sempre grande classico per i vigili del fuoco.

Per visualizzare la relazione completa, clicca qui.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco