Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 68.339.882
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Domenica 13 gennaio 2019 alle 19:35

Olginate: la benedizione degli animali chiude ‘Rivivi S. Maria’

Si è conclusa ancora una volta nel segno della tradizione “Rivivi Santa Maria”, la manifestazione organizzata a Olginate dall’omonimo sodalizio in collaborazione con il Comune e la Pro Loco per far conoscere e valorizzare l’antica località alle porte del paese: prima della Santa Messa nel salone riscaldato del tennis animata dal Corpo Musicale di Fiorano al Serio, l’ultimo appuntamento della ricca giornata di oggi, domenica 13 gennaio, è stato quello con la benedizione degli animali, immancabile rito della festa di Sant’Antonio Abate. In tanti, anche quest’anno, hanno voluto radunarsi davanti all’antica chiesetta di Santa Maria la Vite con i loro simpatici amici a quattro zampe per un momento di preghiera insieme al parroco don Matteo Gignoli.

Andrea Radaelli e don Matteo Gignoli

Se a rubare la scena sono stati soprattutto i cani – da quelli in “formato tascabile” a quelli invece decisamente più grandi e vivaci – non sono mancati nemmeno gatti, coniglietti, criceti e tartarughe, al sicuro nelle loro gabbiette, mentre a completare il quadro sono stati i tre pony che durante tutto il pomeriggio hanno “scortato” i più piccoli in brevi passeggiate nell’area verde dei campi da tennis, con tanto di “battesimo della sella” a cura dei volontari dell’Associazione Nazionale Carabinieri.

“Quella di oggi è stata un’altra giornata di successo, che ancora una volta è riuscita nel suo intento di animare e valorizzare la nostra splendida località come merita” ha affermato Andrea Radaelli, anima della manifestazione in qualità di presidente del gruppo “Rivivi Santa Maria”. “La nostra festa non avrebbe potuto concludersi in maniera diversa da questa, con un rito profondamente radicato in una comunità semplice e genuina come la nostra che per secoli, fino a non molto tempo fa, ha avuto negli animali e nella natura la sua principale fonte di sostentamento”.
Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):

Se oggi le abitudini di vita e di lavoro di uomini e donne si sono in gran parte modificate, non è invece cambiato l’importante ruolo che gli animali – ora perlopiù cani e gatti, anziché mucche, pecore e capre – rivestono per molte famiglie anche a Olginate, come ha sottolineato don Matteo Gignoli prima di impartire la sua benedizione solenne.

“Me ne sono reso conto ancora di più nel corso delle mie visite natalizie nelle case, in cui moltissimi amici “a quattro zampe” mi sono stati presentati come membri a tutti gli effetti della famiglia, come affettuosi e allegri compagni di vita in grado di portare tanta gioia a bambini, adulti e anziani, ma anche un po’ di conforto nei momenti di solitudine e difficoltà”.

Conclusa dunque in bellezza la decima edizione dell'iniziativa, gli organizzatori hanno dato appuntamento a grandi e piccini al prossimo anno, per un’altra giornata di festa fra passato e presente nella “meravigliosa Santa Maria”.
B.P.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco