Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 61.120.980
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 16 gennaio 2019 alle 12:30

Lecco: al 'Poli' premiate le proposte progettuali per un quartiere sostenibile a Milano

Si è tenuta ieri pomeriggio presso il Polo territoriale di Lecco la premiazione del concorso di Studio “Laure Larouzè SUSTAINABLE_BUILT_ENVINRONMENT - Re-inventing cities, project for an innovative and carbon free development at Greco-Breda area in Milan”, rivolto agli studenti della laurea magistrale in Building and Architectural Engineering e sviluppato nell’ambito dei corsi Sustainable Multidisciplinary Design (SMDS) - Process e SMDS - Studio diretti dai proff. Massimo Tadi e Franck Nolesini.




Il premio, promosso dal Polo territoriale di Lecco in collaborazione con il Rotary Club Lecco Manzoni, ha visto la partecipazione di 15 gruppi di studenti internazionali provenienti da 12 diversi Paesi. L’iniziativa è nata con l’intento di stimolare la loro partecipazione attiva incrementando il livello di conoscenza delle diverse discipline che influiscono nella progettazione architettonica e urbana sostenibile, insieme alla possibilità di fornire un contribuito innovativo al dibattito che riguarda la trasformazione dell’area di Greco-Breda a Milano.




Il tema del concorso è stato infatti la progettazione di un "Re-inventing cities, project for an innovative and carbon free development at Greco-Breda area in Milan”, nella zona nord-est di Milano. Il sito, che fa parte del piano strategico della città per la rigenerazione degli scali ferroviari dismessi, si compone di tre parti principali: l’ex scalo accanto alla stazione Greco-Pirelli, un’area verde ubicata più a est, su via Breda, e una fascia lunga e stretta di terreno, sede di un binario dismesso, che si affaccia a ovest sul quartiere Bicocca. L’area si caratterizza come ambito urbano da orientare verso i più elevati standard di efficienza energetica e di vivibilità urbana sostenibile.




Gli studenti sono stati chiamati a sviluppare proposte progettuali secondo un modello integrato di tipo olistico e multi-scalare capace di integrare i temi di mobilità sostenibile, di produzione locale di energia e di sviluppo di modelli evoluti di trattamento del ciclo delle acque e dei rifiuti. A sottolineare la posizione strategica dell’area, gli studenti sono stati invitati inoltre ad approfondire il ruolo dell’agricoltura urbana utile alla produzione di cibo. La presenza di una delle più trafficate stazioni ferroviarie per i servizi suburbani in direzione Monza rende questo sito uno snodo di importanza strategica nel contesto metropolitano. La riqualificazione dello scalo costituirebbe un’occasione per ridurre il traffico veicolare e per stimolare buone pratiche di mobilità sostenibile migliorando i collegamenti pedonali e ciclabili dell’intera area.




Gli studenti hanno formulato progetti innovativi ad alto contenuto tecnologico che valorizzano il paesaggio agricolo locale ottenendo armoniose connessioni con il contesto sociale, economico e residenziale esistente. Gli elaborati sono stati valutati da una commissione che ha premiato i progetti che, mediante le tecnologie adottate, hanno saputo valorizzare gli aspetti di risparmio energetico e sostenibilità ambientale.

Primi classificati: Bahaa Zein, Via Babajaninia Shirvani, Ahmed Mohamed Ahmed Lotfy Elmaraghy, Viktoriia Korovina, Helia Khalaj
Secondi classificati: Gaber Mona, Francesco Mainetti, Sheikh Haasani Navid, Tabatabaei Ailin, Tajik Ramyar 
Terzi classificati: Arianna Corti, Noam Kalai, Yasman Naezi, Islam Rihan



In considerazione dell’alta qualità dei progetti presentati, la giuria ha assegnato anche tre menzioni: la prima al gruppo composto da Manuela Loza, Nur Yemisci, Asli Nur Timur, Mohammadmahdi Poursheikhali e Hung Yang, la seconda a Modaresi Saba, Marco Rotundo, Parvatharredy Saichandu e Marta Saccuman, e la terza al gruppo di Giorgia Caniato, Guilihuma Ainiwaner, Ghayouri Reyhaneh e Nemati Ali.




La giuria:
-  Manuela Grecchi, Prorettore Delegato del Polo territoriale di Lecco
- Gabriele Masera, Coordinatore del Corso in Building and Architectural Engineering
- Alessandra Pilia, Responsabile Comunicazione di A.P.I. Associazione Piccole e Medie Industrie in rappresentanza del Direttore Generale Stefano Valvason
- Chiara Bonaiti, Vice Presidente del Rotary club Lecco Manzoni in rappresentanza del Presidente Stefano Artese
- Ing. Giancarlo Alderighi, membro esperto delegato da Rotary club Lecco Manzoni
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco