Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 63.152.175
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 20 febbraio 2019 alle 18:27

Riva: Confindustria è entusiasta dell'iniziativa. E in azienda i ragazzi non fanno le fotocopie

La sede di Brivio dell'Electro Adda (in una foto tratta dal sito aziendale)
e il presidente di Confindustria Lecco Sondrio Lorenzo Riva
Ma com'è l'apprendistato visto dall'altra parte della barricata? Lo abbiamo chiesto a Lorenzo Riva che partecipa all'iniziativa nella doppia veste di Presidente di Confindustria Lecco e di titolare dell'Electro Adda, una delle quattro imprese coinvolte. Ed è soddisfattissimo. "Sono entusiasta di questa opportunità che il Fiocchi offre ai suoi studenti e ai nostri associati" dichiara infatti quale numero uno dell'Associazione datoriale. "Siamo gli unici ad andare controcorrente anche per quanto attiene l'alternanza scuola-lavoro che il nuovo governo vorrebbe eliminare. Per noi è importante che venga mantenuto in un mondo dove è sempre più difficile reperire persone adeguatamente formate. Il rapporto che abbiamo poi instaurato con il Fiocchi è stupendo" aggiunge il leader gli industriali lecchesi, ricordando le collaborazioni già in essere con l'Istituto a cominciare dal corso Meccanotronica, promosso per il secondo anno da Confindustria con la Fondazione Badoni. "Senza giovani le imprese non avranno un domani. Abbiamo bisogno che i ragazzi si affaccino a questa scelta di vita e prima come scelta di scuola".
Quanto all'ospitare direttamente nella propria azienda uno dei quattro ragazzi del Fiocchi avviati all'apprendistato Riva aggiunge: "lo faccio con entusiasmo e non per avere qualcuno a cui far fare le fotocopie. Stiamo parlando di ragazzi seri, motivati e appassionati. Ritengo questa un'opportunità per conoscerci reciprocamente e per valutare se vi siano i presupposti per unirci poi in un percorso lavorativo che diventa percorso di vita".

 
A.M.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco