Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 63.155.453
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 15 marzo 2019 alle 14:09

Sciopero per il clima, il PD Lecco a fianco degli studenti

Nella mattinata di oggi, 15 marzo, tantissimi studenti in ogni parte del mondo hanno preso parte allo Sciopero Mondiale per il Futuro, la manifestazione nata dall’idea della 16enne svedese Greta Thunberg a difesa dell’ambiente. Anche a Lecco e a Merate gli studenti sono scesi in piazza per chiedere un cambiamento radicale nelle politiche ambientali, a tutela del clima e del futuro del nostro pianeta.
“Come Partito Democratico della provincia di Lecco siamo al fianco degli studenti e della campagna lanciata da Greta, che con il suo coraggio rappresenta un esempio di impegno civile” dichiara Marinella Maldini, segretaria provinciale dei dem lecchesi. “Non possiamo più aspettare. La battaglia per contrastare i cambiamenti climatici deve essere la priorità per la politica ed è molto positivo che i giovani, che sono i più interessati al futuro del pianeta, siano scesi in piazza oggi anche nel lecchese per chiedere di salvare il clima. Oggi è solo l’inizio, siamo sicuri che dalle manifestazioni odierne degli studenti partirà un percorso più ampio che coinvolgerà tutta la società nella difesa dell’ambiente. Noi ci saremo”.
“Come PD siamo impegnati a 360° nella tutela dell’ambiente - aggiunge Elena Villa, responsabile Ambiente del PD lecchese - dall’azione contro i cambiamenti climatici al sostegno alla produzione industriale sostenibile, dall’eliminazione dalla produzione di materiali non riciclabili all'incentivo di nuovi percorsi e processi di riciclaggio, dalla riduzione dello spreco e della produzione di rifiuti fino ad arrivare ad un'economia civile, meno tesa ai profitti e ad una più equa distribuzione delle risorse e dei benefici. Però non basta, c’è ancora molto da fare e ognuno deve fare la sua parte. Quindi onore e merito ai ragazzi che quando si svegliano scuotono dal torpore noi adulti, richiamando la politica alle sue responsabilità”.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco