Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 67.750.463
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 02 maggio 2019 alle 11:26

Lecco: il possibile licenziamento collettivo in Simply 'scatena' uno sciopero in centro

L’ipotesi di licenziamenti collettivi si rafforza sempre di più per i rami più piccoli del gruppo Auchan Retail e i sindacati attendono l’annuncio a ore. A rischio centinaia di lavoratori dei supermercati Simply-Sma di tutta Italia, motivo per cui anche a Lecco c’è grande apprensione.
Questa mattina, davanti a Vicolo San Giacomo, dove ha sede un piccolo punto vendita di ''My Auchan'', in pieno centro, i sindacati hanno indetto uno sciopero per chiedere risposte e chiarezza, poiché anche le voci di un imminente vendita del ramo si fanno sempre più insistenti. Ma nonostante questo, i vertici aziendali, secondo Roberto Frigerio di Fisascat CISL, finora si sono dimostrati sfuggenti alle richieste pervenute dalle organizzazioni sindacali.

''La nostra preoccupazione è che non sappiamo con esattezza che cosa abbia in mente di fare il gruppo Auchan Retail con i suoi rami più piccoli'' ha commentato Barbara Cortinovis di Filcams CGIL, presente al picchetto, oltre che con Frigerio, anche con Roberto Pennati della UILTucs. ''Le uniche notizie che abbiamo ci arrivano dalla stampa. A seguito dello sciopero nazionale di pochi giorni fa, il 30 aprile è poi stato comunicato che in Sicilia è partita per 268 dipendenti del gruppo è scattata una procedura di licenziamento''.

Roberto Pennati di UILTucs, Barbara Cortinovis di Filcams CGIL e Roberto Frigerio di Fisascat CISL

Per questo si fa sempre più concreto il timore che presto possano scattare altri piani di ''sfoltimento'' del personale in tutta Italia, con il rischio non meno fondato che in un futuro prossimo i negozi Simply-Sma passino in altre mani. ''Al momento non c’è un tavolo aperto e finora le nostre controparti si sono dimostrate sfuggenti'' ha commentato Frigerio. ''Un atteggiamento non accettabile, parliamo di centinaia di dipendenti che ad oggi vivono una situazione di precariato''.

Come ha sottolineato anche Cortinovis, infatti, buona parte dei dipendenti lecchesi del gruppo (ce ne sono 22 in MyAuchan a Lecco e altri al punto Simply Sma di Barzanò, senza contare il centro commerciale Auchan di Merate che, dopotutto, fa parte dello stesso gruppo che oggi sembra sempre più intenzionato a smantellare i rami più piccoli), hanno una certa anzianità e sono peraltro prossimi alla pensione. Persone che non possono certo vivere senza sapere se saranno licenziate o se potranno concludere la loro vita lavorativa nel supermercato in cui hanno sempre lavorato. 
A.S.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco