Scritto Domenica 05 luglio 2015 alle 09:55

Lecco: il 7 presidio della Lega contro la presenza dei profughi

Un presidio in Piazza Garibaldi per esprimere forte contrarietà all’arrivo a Maggianico – ospitati in via provvisoria nella scuola del rione lecchese – di una trentina di profughi in fuga dalle coste africane.
Lo promuoverà la Lega Nord nella serata di martedì 7 luglio, a partire dalle ore 18.00. Una data scelta non a caso, poiché alle 19.00 è stato convocato il consiglio comunale.
La protesta della Lega Nord lecchese è infatti rivolta contro l’amministrazione guidata da Virginio Brivio, che avrebbe (in base a quanto riferito dal partito) promosso l’ “operazione Maggianico” senza dare opportune comunicazioni alle altre forze politiche presenti in consiglio.

Questo il comunicato della Lega Nord che annuncia il presidio di martedì:
Martedi sera la Lega Nord fara’ un presidio nei pressi del Municipio di Lecco per esprimere la propria totale contrarietà sulla decisione di utilizzare la scuola di Maggianico come centro di accoglienza e smistamento, o dormitorio, per clandestini e per esprimere la contrarietà sull’accoglienza a Lecco e in tutta la provincia di nuovi immigrati per i quali si trovano 1000 euro al mese mentre per i nostri giovani senza lavoro, per chi il lavoro l’ha perso, per chi ha perso la casa, per chi ha dovuto chiudere la propria impresa o attività perché strozzato dal fisco e da Equitalia, per le mamme separate o sole che si trovano a dover da sole accudire e mantenere i propri figli, per i nostri anziani con pensioni che non arrivano nemmeno ai 500 euro al mese dopo aver pagato per una vita tasse e contributi, per i malati gravi che non hanno le risorse necessarie per curarsi, di soldi non se ne trovano mai! La contrarietà è anche sul metodo, l’“operazione Maggianico” è stata portata avanti in gran silenzio dall’Amministrazione senza dir nella a nessuno, nemmeno, cosa gravissima, ai consiglieri durante l’ultimo consiglio comunale, probabilmente sapendo o temendo che sarebbe stata bloccata sul nascere.
Per le 19.00 è stato convocato un Consiglio Comunale, magari dalla Sala Consiliare sentiranno le nostre voci. E capiranno finalmente che fuori dal Palazzo Comunale non va tutto bene!
Il ritrovo sarà verso le 18.00 in Piazza Garibaldi.
Siamo a luglio, la gente è in ferie, chi è ancora in Città a quell’ora starà tornando dal luogo di lavoro, ma questo non ci ferma. Non so quanti saremo, ma potrei anche trovarmi da solo che questa manifestazione la porterei avanti lo stesso, non si può non dare l’occasione alla gente di poter esprimere la propria contrarietà su questo tema.
 Ovvio è che se i Lecchesi al posto di scegliere come sindaco Brivio, avessero votato Negrini, o meglio, fossero andati a votare (ricordo che al ballottaggio ha votato il 47% degli aventi diritto), alla telefonata del Prefetto sarebbe seguita una risposta opposta chiara e netta: a Lecco di strutture da mettere a disposizione dei clandestini non ce ne sono! ma soprattutto non vengono per nessun modo messe a disposizione le palestre delle scuole nelle quali a settembre i nostri figli dovranno tornare!
Tutti stanno sottovalutando i problemi sanitari, di sicurezza e sociali che derivano dalla gestione dell’immigrazione portata avanti in questo modo dal Governo Renzi/Alfano.
Ho chiesto più volte senza risposta, e lo chiederemo a gran voce alle porte del Municipio, che vogliamo una costante identificazione di chi frequenta il Centro Islamico di Chiuso, vogliamo che ci siano telecamere interne ed esterne, che la gente anche in quel luogo parli o “preghi” nella nostra lingua, nelle registrazioni deve restare traccia di ciò che dicono e di ciò che programmano. A chi frequenta il Centro non sta bene? Venga chiuso il giorno dopo!
E’ ora di finirla con il falso buonismo, il pietismo ci ha portati ad essere invasi, ma ora BASTA!!!
 
Il Segretario Provinciale di Lecco
Lega Nord – Lega Lombarda
Flavio Nogara

Per visualizzare l’ordine del giorno del consiglio comunale clicca qui   
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
Print Friendly and PDF