Scritto Luned́ 13 ottobre 2014 alle 15:01

Nava e Piazza: non un fulmine a ciel sereno la chiusura della maternità della Mangioni

La clinica Mangioni
“Una scelta non facile ma necessaria”
. Così il consigliere Mauro Piazza e il sottosegretario Daniele Nava, esponenti di NCD in Regione Lombardia, commentano la decisione del Pirellone di chiudere a fine anno il punto nascita alla Clinica Mangioni. Lo dicono da lecchesi, ma anche con l’affetto che prova chi lì ha visto la luce: infatti sono nati entrambi proprio in quella struttura.
“Informiamo i cittadini che la scelta di chiudere alcuni punti nascita regionali è stata fatta per aumentare i livelli di sicurezza e migliorare la qualità e l’appropriatezza degli interventi assistenziali. Il protocollo Stato-regione fissa la soglia minima dei parti da espletare in un  punto nascita a 500 ma individua anche, come standard da possedere, i reparti di terapia intensiva neonatale, anestesia e rianimazione – spiegano Piazza e Nava - La mancanza di queste condizioni presso la “Mangioni” ha portato alla decisione di chiusura del punto nascita, scelta non facile ma necessaria”.
Piazza e Nava respingono la lamentata accusa, formulata dalla clinica, di assenza di confronto con la Regione. Così come l’affermazione di decisionismo improvviso e non condiviso sul tema. “La Regione per il Sistema Sanitario Regionale agisce territorialmente tramite la sua articolazione operativa, ossia l’ASL. A noi è nota l’esistenza di un lungo e articolato percorso progettuale in cui ASL, Azienda Ospedaliera, proprietà, sindacati e Comuni sono stati coinvolti, per la parte di competenza, per un superamento il più efficace e meno destabilizzante possibile della vicenda”.
Regione e ASL hanno ben presente la questione occupazionale legata al personale  della  “Mangioni” e in questo senso stanno lavorando nell’auspicio – motivato – che si possa arrivare ad una soluzione che tuteli anche i lavoratori coinvolti.
“Il tavolo dell’ASL è ancora aperto e in corso, proprio per affrontare e risolvere tutte le questioni conseguenti la chiusura del punto nascita prevista per il 31 dicembre. Siamo in costante collegamento con il dottor Lucchini che ringraziamo per la sensibilità e la determinazione con cui sta cercando una soluzione. Siamo disponibili a qualsiasi coinvolgimento laddove si rendesse utile o necessario”, concludono Piazza e Nava.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
Print Friendly and PDF