Scritto Venerd́ 03 luglio 2020 alle 09:16

Margno: poesia sull'accaduto

La rivalsa alla follia

 

l’odio è una alacrità perversa

l’odio è un brucio di dolore

l’odio trasforma in una cosa persa

       l’odio è una perdita secca di un amore

 

la morte data come vendetta

su dei figli ancora in aurora

è uno strampalato usa e getta

soltanto per livore che l’astio sfiora

 

il solo certo di perdere qualcosa

in una mente affranta per dispetto

che carica la molla piena di ventosa

e porta l’intrigante a tale effetto

 

di rogna viene preso il suo pensiero

degrada in rancore il punto del verdetto

non fa il parere ma solo un tutto nero

sovrano e imperioso il suo concetto

 

la spinta del rincaro si fa più forte

di pazzo segno un lucido pensiero

è gioia in quel momento della morte

infusa in logica sulla forza di quel vero

 

il fatto desta solo abiura certa

ecco ti ho mostrato quel che resta

capisci il tuo confuso ma stai allerta

che presto piangerai per la mia la festa

 

di colpo va a buttarsi giù da ponte

raggiunge nel disprezzo il suo confine

di nuovo ha il rigore teso all’orizzonte

nell’attimo fuggente della sua fine

 

che triste verità del corpo umano

che dato preso da macabro pensiero

un nulla prenderemo da questo piano

ma solo amore e carità dal mondo intero
Umberto Colombo
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
Print Friendly and PDF