Scritto Giovedý 17 giugno 2021 alle 19:02

Lecco: già dimessi i due colombiani feriti, 'futili motivi' per l'aggressione. Controlli in città

Avrebbero ricondotto il tutto ad una questione di soldi, legata anche ad un telefono cellulare, i due colombiani rincorsi e picchiati da conoscenti magrebini nella serata di martedì a Lecco, tra la Meridiana – dove lo screzio si è originato – e la stazione ferroviaria, dove la sala d'attesa ha fatto da ring per lo scontro fisico, consumatosi dinnanzi agli occhi di più spettatori. Futili motivi, come spesso accade dunque, per dirla con un'espressione da verbale delle forze dell'ordine.


I controlli di questa sera nell'area de "La Meridiana"

I due sudamericani, 24 anni l'uomo, 26 l'altro, fratelli tra loro con uno dei due in passato in servizio presso un ristorante etnico della città, entrambi feriti a seguito del pestaggio, sono stati già dimessi dall'ospedale Manzoni dove, l'altra sera, per primo era giunto un 47enne impegnato come “vigilante” nell'area esterna del complesso progettato da Renzo Piano.



L'uomo, da quanto si è appreso, mentre i contorni dell'accaduto vanno meglio delineandosi grazie all'attività investigativa condotta dalla Questura, sarebbe intervenuto nel tentativo di sedare sul nascere la zuffa tra le due fazioni di stranieri radunati nei pressi del fast-food del centro commerciale, finendo per essere lui stesso colpito prima della fuga dei due colombiani verso la stazione. Sarebbe di quest'ultimo l'auto – una Fiat Grande Punto con targa che parrebbe ricondurre alla provincia di Varese – danneggiata nel parcheggio della Meridiana con i cristalli mandati in frantumi e le ruote tagliate.



Il più giovane della coppia è stato recuperato sanguinante in piazza Lega Lombarda, all'arrivo di un ingente schieramento di poliziotti chiamati poi a presidiare la zona, per evitare il riaccendersi delle tensioni. Gli è stato attribuito un codice giallo. Più lievi le ferite riportate invece dal fratello, caricato in ambulanza in largo Caleotto. In corso – grazie anche ai filmati registrati dalle telecamere del circuito di videosorveglianza cittadino – l'identificazione degli altri coinvolti.



Nel frattempo, già da ieri, sono stati ulteriormente intensificati i controlli nelle "aree calde" cittadine. Questa sera alle 18.30, per esempio, tre le auto con i colori d'istituto - due della Polizia Locale e una della Guardia di Finanza - presenti nella corte del centro commerciale "La Meridiana" con operatori, anche della Questura, nei corridoi interni dello store.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
Print Friendly and PDF