Scritto Giovedý 29 luglio 2021 alle 16:42

Cortabbio: l'addio a Giandomenico Beri, 'Dio conosce il cuore di ognuno'

La chiesetta di San Lorenzo, nella "sua" Cortabbio, ha accolto quanti sono intervenuti per l'ultimo saluto a Giandomenico Beri, morto in tragiche circostanze nei giorni scorsi. Aveva 61 anni ed era conosciutissimo sul territorio, tanto per il lavoro da ambulante, tanto per gli incarichi assunti in Confcommercio, tanto per la passione politica che lo aveva portato ad essere prima consigliere provinciale poi a sedere in consiglio comunale proprio a Primaluna dove ha sempre vissuto, portando avanti anche il negozio Val Shoes.

Giandomenico Beri

Don Cesare Gerosa nell'omelia ha ricordato come "Il Signore ci aiuta a trovare le parole giuste. La prima lettura racconta il tormento di un uomo: ci riconosciamo tutti noi. L'uomo parla a Dio e Lui gli risponde che la fedeltà rimane sempre e la misericordia con l'uomo non è finita. Dio conosce il cuore di ognuno di noi e quello di Giandomenico, il bene che ha fatto" ha aggiunto il celebrante. "Molti fedeli non sanno più pregare ma ciascuno di noi troverà ispirazione nella preghiera che più corrisponde allo stato d'animo che vive. Il Signore ci custodirà da ogni male".

A vegliare il feretro, infondendo vicinanza e sostegno ai famigliari, oltre a parenti, amici e semplice conoscenti che hanno avuto modo di avvicinarsi a Beri nelle sue diverse stagioni di impegno al fianco dei commercianti della Valle e non solo nonchè tra le fila di più movimenti, arrivando anche a candidarsi a Lecco nella lista civica di Alberto Negrini alle penultime elezioni, anche diversi gruppi alpini, con i loro alfieri con gargliardetto, a cominciare da quello di Primaluna.
Al termine della funzione, proprio le penne nere hanno così dato lettura della preghiera dell'alpino affidando Giandomenico alla Madre di Dio "candida più della neve".
Un corteo silenzioso ha accompagnato infine la salma fino al cimitero per la sepoltura.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
Print Friendly and PDF