Scritto Giovedý 13 gennaio 2022 alle 14:44

UP–Un Percorso/33: una bella passeggiata alla Cascata del Cenghen di Abbadia Lariana

Le montagne della provincia di Lecco sono molto variegate: da un lato offrono cime famose e importanti per gli escursionisti più esperti; dall’altra rendono possibili anche molte passeggiate semplici e alla portata di tutti, ma non per questo meno belle. È questo il caso, ad esempio, del sentiero per la Cascata del Cenghen ad Abbadia Lariana. Per arrivare a questa località suggestiva si deve camminare per circa un’ora su un sentiero facile e accessibile a tutti. Ma attenzione: è pur sempre un tracciato di montagna e come tale va affrontato.




La passeggiata si svolge per lo più nel bosco, con alcuni tratti in mezzo ai prati, e di conseguenza i rischi sono molto bassi. Anche il dislivello da affrontare non è molto, ma soprattutto in caso di pioggia ci potrebbe essere il rischio di scivolare e cadere. Per questo motivo, si raccomanda di indossare scarponcini da trekking e l’abbigliamento idoneo per un’escursione in montagna. La camminata si può svolgere in tutte le stagioni, ma d’estate è particolarmente raccomandata per trovare un po’ di refrigerio dal caldo.

Partenza: Abbadia Lariana, loc. Novegolo
Arrivo: Cascata del Cenghen (615m slm)
Difficoltà CAI: E
Durata: 1 ora
Dislivello positivo: 340m slm
Adatto ai bambini: sì





Innanzitutto, dove ci troviamo? La Cascata del Cenghen sorge nel cuore del Gruppo delle Grigne nel comune di Abbadia Lariana, delizioso paese sulla sponda orientale del Lago di Como, a 5km da Lecco. I punti di partenza per l’escursione sono diversi. Di seguito presentiamo quello che prende il via dalla località Novegolo.
Dalla SP72, verso la fine dell’abitato di Abbadia Lariana, chi viene da Milano/Lecco svolta a destra a una rotonda imboccando Via per Novegolo. Si sale per un breve tratto e, dopo aver superato il cimitero, si passa sotto ai piloni della SS36. Dopo poco, all’inizio della frazione, ci si imbatte in un cartello martello che indica, a destra, la Cascata del Cenghen. Lì a fianco c’è un parcheggio (a pagamento in estate) dove si può lasciare l’auto.





Seguendo il segnale, si imbocca una stradina acciottolata che altro non è se non un tratto del famoso Sentiero del Viandante. Si prosegue per qualche minuto, fino a giungere a un altro parcheggio (Via del Castello). Da qui proseguiamo ancora verso destra finché non arriviamo nei pressi di una cappelletta. A questo punto svoltiamo a sinistra, seguendo le indicazioni per la Cascata del Cenghen, e, superato l’Agriturismo Fulet (Via per Robbianico), ci si immerge nel bosco.
In breve si superano alcune case e si affronta una scalinata di gradoni bassi e lunghi, fino a raggiungere la “Baita del Cenghen”. Qui, nei pressi di una fontanella, si svolta a sinistra e il sentiero si fa più leggermente più ripido. In ogni caso, lungo tutto il percorso, non mancano le indicazioni per la cascata. Si percorre un tratto ancora nel bosco, passando tra alcune baite, finché si sbuca in un grande prato da cui si intravede anche un po’ di lago. In fondo al prato si incrocia Via dei Campelli e il sentiero che arriva dalla frazione di Linzanico.





Seguendo sempre le indicazioni per la cascata, si rientra nel bosco e si percorre l'itinerario che non è mai ripido o stretto. Si prosegue per alcuni minuti e, man mano che si cammina, si avverte sempre più nitido il rumore dell’acqua scrosciante. Ad un certo punto, le indicazioni ci fanno deviare sulla destra e, dopo aver percorso un breve tratto un po’ stretto, si arriva a ridosso del fiume.




Qui inizia l’ultima, breve parte di sentiero: piegando verso sinistra, si costeggia il torrente fino a giungere ai piedi della Cascata del Cenghen, la cui altezza è ragguardevole. Complessivamente ci vuole circa un'ora di cammino per arrivare alla meta. Per ritornare si può percorrere lo stesso sentiero dell’andata. Ai piedi della cascata c’è una piccola pozza d’acqua, molto fredda anche d’estate, in cui eventualmente bagnarsi. Ma attenzione: la cascata è circondata dal bosco e quindi è sempre piuttosto in ombra.

Michele Castelnovo
www.trekkinglecco.com
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
Print Friendly and PDF