Scritto Sabato 06 giugno 2015 alle 17:30

Calolzio: al Lavello e sul Lungofiume mille attività per piccoli, è la festa delle materne

Scuole (statali dell'infanzia) in festa questo pomeriggio a Calolziocorte. Il chiosco del Monastero del Lavello e il lungofiume hanno infatti ospitato l'evento conclusivo dell'omonimo cartellone di iniziative promosse in collaborazione con l'amministrazione comunale, apertosi lo scorso 16 maggio con "Espolori...amo: il paese racconta" a cura della scuola di Foppenico e proseguito poi con "Conosco me, conosco te" (scuola secondaria di primo grado Manzoni), "Gioco di fili" (altre classi delle medie), "Incontria...amo Calolzio" (scuola primaria di Sala), "Cultura che nutre" (scuola primaria del Pascolo), il concerto della scuola Manzoni e "Paesaggi - Passaggi" (scuola primaria di Rossino).

Pensato per i più piccini e per le loro famiglie, l'evento odierno ha attirato anche bambini più grandi che hanno avuto il piacere di riabbracciare le loro insegnanti e di "sperimentare" le diverse attività proposte, ispirate chiaramente ai percorsi affrontati dalle singole scuole nel corso dell'anno con i loro alunni riassunti nei "titoli" dati ai laboratori: "Perdersi per Calozio... un viaggio vagando per il paese" per la scuola dell'Infanzia di Foppenico, "Benessere. Noi alberi delle idee" (Lorentino in collaborazione con Laboratorio Teatrodanza e associazione culturale Punto a Capo), "Dentro un dinamico equilibrio" (Pascolo con l'associazione Ethnica e gruppo genitori), "Calolziocorte, alla scoperta del nostro territorio" (Sala con Comunità Montana) e "Calolziocorte in fiaba tra realtà e fantasia" (scuola di via Lavello con Gruppo Quantestorie e Biblioteca civica).

Non sono così mancate attività "artistiche", con la musica o con i colori, "ginniche" con percorso di arrampicata e tuffo finale in una mare di carta, "naturalistiche" con la possibilità di mettere a dimora semini di tutti i tipi ma anche "di abilità" con ciminiere di latta fatte di barattoli da appoggiare una sopra l'altro in equilibrio...

E ancora il percorso delle macchinine e dei trenini umani, i balli medioevali, le corone per far diventare i bimbi re e regine, un albero gigante da abbellire con rami e foglie e molto altro ancora per offrire un pomeriggio diverso prima delle tanto attese vacanze estive.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
Print Friendly and PDF