• Sei il visitatore n° 164.932.568
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 24 settembre 2015 alle 09:42

Calolzio: Trafilerie del Lario, lavoratori in mobilità. Fallito ogni tentativo di rilancio

Nella giornata di ieri, mercoledì 23 settembre, si è svolta l'assemblea dei lavoratori della Trafilerie Del Lario - ex Trafilerie Brambilla – di Calolziocorte, nella quale è stato illustrato l'iter per accedere alla mobilità.
La cassa Integrazione Straordinaria, firmata un anno fa, scade lunedì 28 settembre, quindi da martedì  29 tutti i dipendenti saranno posti in procedura di mobilità.
La Trafilerie Del Lario, come ha spiegato la Fiom Cgil che segue da anni i lavoratori dell’azienda, al momento del fallimento occupava 76 persone. Oggi ne conta alle proprie dipendenze ancora circa 50, delle quali una ventina hanno già trovato, grazie alla mobilità, una nuova futura occupazione.

Immagine di repertorio del presidio dei lavoratori fuori dall'azienda

I problemi sono iniziati nel 2013,quando l'azienda ha cominciato a denunciare una grave sofferenza finanziaria. Purtroppo già in quel periodo il debito generato dalle Trafilerie Brambilla era elevato, e sono stati vani i tentativi di mettere in campo un Concordato che nemmeno l'offerta - nel 2014 - del solo interessato, il turco Celik Halat, è riuscita a soddisfare.
Quando l'azienda è fallita, non è stata presentata nessuna offerta al bando di vendita pubblicato dal curatore, anche se la base di partenza era nettamente inferiore a quanto, qualche settimana prima, il Celik Halat aveva offerto.
“Le procedure fallimentari o pre fallimentari costituiscono un periodo di disorientamento, di alternanza di speranza e delusione, nei quali alla fine si cerca di incolpare qualcuno, dimenticandosi che tutto viene generato da una difficoltà imprenditoriale di affrontare il grande cambiamento che c'è in atto, difficoltà che vede eccellenti imprenditori di qualche anno fa non riconoscere in tempo il momento di passare la mano” è il commento dei funzionari Fiom Cgil che hanno seguito l’intero iter.
“In tutto questo contesto ci sono poi i lavoratori, che passano da una situazione di certezza ad una di precarietà, e di insufficiente capacità di far fronte ai bisogni primari. Lavoratori ai quali siamo comunque accanto per dare il miglior supporto, e la garanzia che sul territorio faremo tutto quanto è in nostro potere per affrontare questo periodo difficile. Lo faremo nel rispetto della nostra etica e in collaborazione con le Istituzioni locali e regionali, partendo da quel mondo del lavoro ed imprenditoriale che, nonostante la crisi, ha avuto la capacità e la caparbietà di proteggersi investendo sui processi e sul prodotto, guardando oltre il mero guadagno finanziario”.
Purtroppo ogni tentativo di rilancio dell'azienda si è rivelato vano, e una storica realtà industriale della Val San Martino è andata perduta.
Articoli correlati:
21.07.2015 - Calolzio: Trafilerie del Lario, va deserto il bando di vendita. 50 in mobilità da settembre
08.06.2015 - Calolzio: la Trafileria del Lario in vendita, prezzo base 4.500.000€
06.05.2015 - Trafilerie: 53 lavoratori in carico, attiva la straordinaria
29.10.2014 - Calolzio: Trafilerie, richiesta la cassa per 75. Accordo con le banche per l’anticipo
23.10.2014 - Calolzio: Trafilerie, richiesta di cassa per 75 il 29 ottobre
15.10.2014 - Calolzio: Trafilerie, il 22 tavolo regionale, i 'turchi' interessati
30.09.2014 - Trafilerie: presidio amaro, tra le opzioni l’affitto e la vendita
29.09.2014 - Calolzio: Trafilerie del Lario, dichiarato il Fallimento. Mercoledì incontro col curatore
21.06.2014 - Calolzio: consiglio con le maestranze delle Trafilerie, 'continui a suonare quella sirena'
27.05.2014 - Calolzio: trattative in corso con la holding turca che vorrebbe acquistare le Trafilerie, tagliando 25 posti e le paghe del 30%
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco