• Sei il visitatore n° 181.782.831
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 28 ottobre 2015 alle 22:43

Pasturo: 83enne morì in ospedale dopo un clistere mal eseguito, infermiere a giudizio

Una morte assurda sulla quale solo l’istruttoria dibattimentale – che probabilmente si giocherà poi in gran parte a colpi di perizie e consulenze –  potrà fare luce, permettendo effettivamente di appurare se vi fu o meno l’ipotizzata imperizia professionale “addebitata” ad un infermiere professionale – dipendente dell’Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco – quest’oggi rinviato a giudizio per omicidio colposo dal giudice per le udienze preliminari Paolo Salvatore.
I fatti a lui ascritti risalirebbero – per quanto è stato possibile apprendere – a due anni fa, precisamente al 19 gennaio 2013 quando un 83enne di Pasturò morì al Manzoni, probabilmente a seguito di un clistere mal eseguito. La pratica – comunemente utilizzata per liberare l’ultimo tratto dell’intestino dalle feci o dai gas – provocò infatti all’anziano lesioni interne a cui, nemmeno il personale medico che poi si occupò di lui, riuscì a far fronte. La morte del paziente ha così originato un fascicolo a carico dell’infermiere per il quale il sostituto procuratore Paolo Del Grosso, al termine dell’attività istruttoria, ha chiesto il rinvio a giudizio, accordato quest’oggi dal giudice.
Il processo a carico del dipendente dell'ospedale pubblico, di origine straniera, si aprirà il prossimo 12 febbraio. Prosegue invece parallelamente il processo intentato nei riguardi dell'Ao in sede civile dove il dottor Mirco Lombardi ha già chiesto una perizia, per poter disporre di elementi “tecnici” su cui fondare la propria valutazione.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco