Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 81.099.492
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Domenica 15 novembre 2015 alle 16:31

Olate: inaugurata la mostra di bonsai a cura del gruppo G.A.O. e 'Circolo'

''Buona la prima'' per l'esposizione temporanea di arte Bonsai inaugurata sabato alle 11 e proposta dal G.A.O. - Gruppo Artisti Olatesi - in collaborazione con il Circolo Bonsai Lecco. La mostra, ospitata nel salone Renzo e Lucia dell'oratorio di Olate, ha riscosso un ottimo successo lasciando decisamente soddisfatto il presidente Paolo Gulisano. Naturalmente all'apertura sono stati invitati i proprietari di tutte le piante esposte, i quali si sono resi disponibili a spiegare le loro opere d'arte vegetali ai più curiosi ed interessati.

Gli organizzatori

L'Associazione Bonsai Arte Natura  Lecco è composta da un  gruppo  di hobbisti riuniti dalla passione comune per questa  arte "dal pollice verde". La vita dell'associazione è aperta a tutti coloro che intendono iniziare o approfondire l'arte del Bonsai.
Attualmente  i soci hanno già promosso numerose iniziative finalizzate ad approfondire le conoscenze sul Bonsai. L'obiettivo è quello di "aprire nuovi orizzonti per apprendere e praticare sia le tecniche più antiche, derivanti dai Maestri Giapponesi, che le tecniche più aggiornate" come si legge sul loro sito internet.

Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):

Qualsiasi pianta può diventare un bonsai, attuando gli opportuni accorgimenti. Caratteristica particolare sono le proporzioni, inalterate rispetto alla pianta originale e riprodotte in piccolo. I semi da cui tutto ha origine non sono modificati geneticamente, bensì coltivati secondo una serie di minuziosi accorgimenti riguardo a taerra, concimi, potatura e nutrizione. "Tenere un bonsai è poco meno impegnativo che tenere un animale domestico" ha dichiarato il presidente del circolo Massimo Gilardi. "Certamente, tra la pianta e il suo curatore si instaura un rapporto molto forte; quando la pianta rivela tutta la sua bellezza ad ogni cambio di stagione, mutando forme e colori, allora arrivano le migliori soddisfazioni".


Secondo la filosofia orientale, le ragioni alla base del legame tra pianta e padrone dipendono da due motivi ben precisi. Per prima cosa, tale profondo sentimento dipende dalla lunga durata della vita di un bonsai, pari alla pianta cui corrisponde e più lunga di quella di un uomo. Famoso è il bonsai giapponese tutt'ora esistente raffigurato in un famoso dipinto del 1603. Si parla dunque, in alcuni casi, di bonsai secolari mantenuti da esperti che dedicano tutti gli sforzi di una vita alla loro conservazione, tramandandosi l'impegno di generazione in generazione.

Paolo Gulisano

Così si giunge alla seconda ragione per cui diventa impossibile distaccarsi dal proprio bonsai: quest'ultimo diventa simbolo di un'intera discendenza, la cui essenza risiede all'interno della pianta, consacrata al ricordo dei cari defunti. Inoltre, il pensiero Zen lega la natura non solo all'uomo, ma anche e soprattutto al divino. Si viene a creare una struttura triangolare per cui un Bonsai è sintesi tra vita naturale, vita umana e divinità.

Da sinistra Mauro Carissimi, Paolo Gulisano e Massimo Gilardi

Per comprendere questo tipo di arte non basta solamente padroneggiarne la tecnica: è necessario abbracciarne la filosofia, accettarne le ragioni e approfondirne i concetti. Come ha ricordato con parole appassionate Mauro Carissimi, membro G.A.O., "curare il bonsai non significa curare una pianta, ma curare noi stessi. Tutti infatti, abbiamo un bonsai dentro di noi che vuole crescere forte e rigoglioso".

Michele Milani
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco