Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 159.251.401
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Domenica 13 dicembre 2015 alle 16:27

Mandello: Lega Nord contro il sindaco sull'accoglienza migranti

La Lega Nord e i suoi sindaci sono contrari all'immigrazione incontrollata nei nostri comuni. La difesa nei confronti della sicurezza della popolazione è  una battaglia che la Lega Nord combatte da mesi. I sedicenti profughi devono prima essere identificati perché bisogna sapere chi ci portiamo in casa.
L’accoglienza è dovuta a chi effettivamente scappa da territori in guerra, ma non è dovuta a chi ha deciso di lasciare Il proprio paese che non è in guerra per altri lidi e farsi ospitare a spese altrui senza alcuna dignità.
Il secco no da parte dei sindaci leghisti all’accoglienza diffusa dei migranti vuole essere uno strumento a difesa delle propria cittadinanza e dei diritti di chi ha pagato una vita di tasse e oggi riceve uno stipendio o una pensione al limite della sopravvivenza. Ma l’accordo purtroppo è stato approvato dall’assemblea dei sindaci lecchesi pochi giorni fa e i migranti dovranno essere accolti, qualunque sia la provenienza.
Il sindaco di Mandello all’assemblea dei Sindaci ha votato a favore dell’accoglienza di migranti non ancora identificati, permettendo quindi che chiunque venga ospitato nel nostro comune con servizio completo di vitto, alloggio, telefonia e altri servizi e con un costo che non sarà inferiore ai 35 euro al giorno, ovvero non meno di 1.050 euro al mese per persone che non si sa se ne hanno diritto.
Fasoli ha seguito l’onda dei sindaci di sinistra nonostante gli enti di governo abbiano lanciato un'allerta sul rischio di terrorismo: noi non sappiamo chi si cela dietro al volto di ciascuno di questi migranti.
Fasoli è rimasto sordo alle denunce di buon senso della Lega Nord che si esprime attraverso la voce dei propri sindaci, ma anche alle dichiarazioni di buon senso di chi non ha i colori della Lega Nord, come quelle del  primo cittadino di Oliveto Lario, Bruno Polti: «noi non vogliamo avere nessun clandestino: noi non sappiamo chi sono e da dove vengono. Sono clandestini nel senso che arrivano da una situazione incognita».
Quindi quanti sedicenti profughi verranno accolti a Mandello, e dove? Quale garanzia di sicurezza che non vaghino indisturbati?
La Lega Nord di Mandello rifiuta scelte che vanno contro gli interessi e il rispetto dei propri cittadini.
Il segretario cittadino Lega Nord Padania Sezione Luigi Valsecchi Mandello del Lario Fabiola Bertassi
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco