• Sei il visitatore n° 182.295.296
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 25 gennaio 2016 alle 15:10

A oltre 3 anni dal bando restano sulla carta le 10 nuove farmacie previste nel lecchese

A giugno dell’anno scorso scrivevamo che era – quasi – fatta. Un “inciso” quel “quasi” inserito con la consapevolezza che, tra il dire e il fare, avrebbe potuto esserci di mezzo un mare… di ricorsi. E puntualmente così è stato. Ad oltre mille giorni dall’emissione del bando – bisogna tornare all’ormai lontanissimo 8 novembre 2012 – Regione Lombardia non è ancora riuscita ad autorizzare formalmente l’apertura delle 342 farmacie volute dal decreto “Cresci Italia”, 10 della quali previste anche in provincia di Lecco dove due punti vendita dovrebbero aprire anche in altrettanti comuni al momento sprovvisti di tale servizio, Suello e Pasturo. L’attesa si protrarrà almeno fino a giugno 2016: le 3.560 domande pervenute entro il 19 dicembre 2012, data di chiusura del bando, sono infatti state tutte vagliate, a rilento, dall’apposita commissione giudicatrice che, a maggio dello scorso anno, era arrivata alla redazione della graduatoria per l’assegnazione di ciascun posto a disposizione ad un “vincitore”, incrociando – non senza fatica – domanda e offerta, facendo scattare però al contempo una pioggia di ricorsi, in pieno stile italiano, da parte degli “esclusi” e degli “scontenti”. Alcuni sono già stati valutati – venendo in parte anche accolti – altri saranno discussi in aprile. Per l’estate finalmente tutti i tasselli dovrebbero trovare la loro definitiva collocazione e per fine anno tutte le farmacie previste dovrebbero aver alzato la saracinesca (sei infatti i mesi di tempo concessi ai vincitori del concorso, una volta ufficializzato, per organizzarsi ed avviare così la propria impresa). Non resta dunque che aspettare ai cittadini di Pasturo e Suello ma anche ai meratesi che attendono da tre anni l’apertura di un punto vendita a Brugarolo, ai casatesi che potranno comprare – quando l’iter sarà terminato – sciroppo e pastiglie anche nella zona sud del paese (con la farmacia immaginata o a Campofiorenzo o a Valaperta) e ai mandellesi della frazione di Molina. Santa pazienza è richiesta anche all’amministrazione di Galbiate, che aveva fatto istanza per Località Ponte Azzone Visconti, a quella di Valmadrera, risultata assegnataria di due autorizzazioni (una per Parè e una per l'area di confine con Civate) e a quella di Lecco, città che ha chiesto di autorizzare l’apertura della 15esima attività di questo tipo tra le vie Belfiore, Lamarmora e Corso Promessi Sposi. Provocatoria ma comunque accettata, infine, la richiesta avanzata a suo tempo da Olginate con la Regione che, basandosi su calcoli meramente legati alla distanza da altre farmacie, ne ha autorizzata una… a Consonno. Nel “borgo fantasma” difficile immaginare però che un camice bianco possa iniziare davvero a dispensare supposte e pillole…
Articoli correlati:
21.06.2015 - Concorso per farmacisti: pubblicate le graduatorie, 10 nuovi punti vendita in provincia. Il 15^ a Lecco, uno a... Consonno
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco