• Sei il visitatore n° 164.388.135
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 02 febbraio 2016 alle 12:40

Lecco: la Polstrada traccia un bilancio dell'attività svolta nel 2015. L'eccesso di velocità è l'infrazione al 'CdS' più rilevata

E' un bilancio corposo quello stilato dalla Polizia stradale di Lecco sull'attività svolta nel 2015. Sono state complessivamente 3079 le pattuglie realizzate dagli uomini della sezione cittadina e dai colleghi della sottosezione di Bellano. Di queste 2805 sono state dedicate all'esclusiva attività di vigilanza stradale lungo la superstrada 36 e le principali arterie provinciali, impiegando 5282 operatori di polizia in servizi esterni.
L'obiettivo è stato quello di garantire un'idonea copertura al territorio finalizzata ad arginare il fenomeno delle ''stragi del sabato sera'', attraverso mirati servizi. 1173 i soggetti controllati, di cui l'11% è risultato positivo. Un dato in diminuzione rispetto all'anno precedente. Sono state invece ritirate complessivamente 124 patenti di guida, con 7 veicoli sottoposti a sequestro. In 18 casi - soli conducenti uomini - è stato registrato un valore superiore a 1,5 mg/l.

Il dottor Mauro Livolsi (attuale comandante della Polstrada di Lecco)
e il suo predecessore, la dottoressa Mariella Russo, in servizio sino alla fine del 2015

Particolare attenzione è stata poi rivolta a controllo del trasporto professionale (UE ed extra UE) dei veicoli adibiti al trasporto di merci e passeggeri, con 116 servizi dedicati a quest'ambito, dato in crescita del 28% rispetto all'anno precedente.
Più in generale, quindi anche nel corso dell'ordinaria attività di vigilanza stradale, a fronte di 1820 mezzi pesanti controllati, le infrazioni rilevate in quest'ambito sono state 575. Le più frequenti sono state il superamento dei limiti di velocità e il mancato rispetto dei tempi di guida/riposo.
Sono stati poi incrementati specifici controlli volti a contrastare il fenomeno dell'alterazione del cronotachigrafo, accertando complessivamente 40 casi, poco meno del doppio rispetto all'anno precedente. Nel complesso, le infrazioni rilevate nell'ambito del trasporto professionale sono state 814, circa il 50% in più rispetto all'anno precedente. Sono stati sottoposti ad accertamenti con etilometro e precursori 6822 soggetti complessivamente, mentre si è ricorsi alla banca dati delle forze di polizia per 3897 individui, 3347 veicoli e 3389 documenti. I soccorsi a terzi sono stati invece 797.

Tornando alle infrazioni al Codice della Strada - che nel complesso sono risultate 7938 - spiccano l'eccesso di velocità (1436), l'omesso utilizzo delle cinture di sicurezza (615), la velocità pericolosa/non commisurata (400), il mancato rispetto dei tempi di guida/riposo (285), la mancanza di assicurazione obbligatoria dei veicoli (148). Le violazioni per guida sotto l'effetto di alcolici sono state invece 339, di cui 205 di rilevanza penale e 134 di natura amministrativa. Le denunce a piede libero per guida senza patente sono state invece 50, in linea con l'anno precedente. Sono state ritirate in totale 481 patenti su strada e 190 carte di circolazione, mentre i punti decurtati a seguito di infrazioni al CdS sono stati 14488.
515 poi, gli incidenti stradali rilevati: in netto calo rispetto al 2014, quelli verificatisi sulla superstrada 36 (256 a fronte dei 350 dell'anno precedente, caratterizzato da frequenti piogge che possono aver influito come causa).
Sono state poi svolte attività di educazione stradale nelle scuole e assistenza a prestigiose competizioni ciclistiche a carattere nazionale (Giro d'Italia, Milano-Sanremo, Giro di Lombardia e Piccolo Giro), assicurando pattuglie e moto per i servizi di scorta e vigilanza.

Per quel che riguarda infine l'attività giudiziaria, sono stati deferiti complessivamente 45 soggetti, a seguito delle indagini con altre forze di polizia mirate al recupero di veicoli oggetto di appropriazione indebita. Nel mese di aprile, durante un controllo presso un autodemolitore, è stato rintracciato e sottoposto agli arresti un individuo sottrattosi ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal tribunale di Como. A settembre invece, a seguito di querela per sottrazione di opere d'arte, sono stati avviati accertamenti che hanno consentito l'emissione di un decreto di perquisizione domiciliare, a seguito del quale sono stati recuperati quattro dipinti del periodo ottocentesco. Sono state poi coordinate le indagini che hanno portato all'arresto in flagranza di reato di due soggetti responsabili di detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio e resistenza a pubblico ufficiale, oltre al deferimento di trenta individui in stato di libertà, dediti ad attività di truffa, ricettazione e furto.
Dal routinario controllo delle pattuglie su strada è stata avviata un'indagine che ha consentito di individuare dieci soggetti - deferiti all'autorità giudiziaria - che alteravano sistematicamente i cronotachigrafi di veicoli pesanti.
Sottoposti infine a controlli, quaranta esercizi pubblici nel settore delle autodemolizioni e delle officine meccaniche, con 20 infrazioni rilevate; 8 sono stati invece o documenti di circolazione apocrifi sottoposti a sequestro.

© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco