Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 146.817.874
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 21 luglio 2014 alle 12:05

Lecco, pattume abbandonato: Boscagli torna a ''denunciare''

Filippo Boscagli
Chissà cosa avranno pensato quei 1200 ragazzi, presenti ai mondiali di frisbee, che si incamminavano dallo stadio al Bione per le vie di Lecco.
Il panorama mozzafiato dal Rigamonti Ceppi li avrà certamente entusiasmati, così come il lago e l'Adda.
Ma certamente non sarà sfuggito a nessuno di loro il dedalo di rifiuti regolarmente depositati ad ogni cesto della spazzatura. Una interminabile, infinita,catasta di rifiuti che da Pescarenico a Belledo, da Vial Turati a Chiuso, è indice di un degrado che questa città non ha mai conosciuto.
Settimana scorsa, come gruppo in Consiglio Comunale, abbiamo chiesto una riunione urgente per risolvere da subito un problema che per primi abbiamo denunciato, seguiti ora dai commercianti del centro, e che clamorosamente l'amministrazione sta minimizzando.
Come è possibile minimizzare l'indecente situazione in cui si trova la città manzoniana? Fare finta di non vedere i sacchi di umido che macerano al sole, l'ammucchiata di rifiuti a lato di banchine del pullman, marciapiedi, cancelli?
Sarà certamente vero che parte della colpa va all'inciviltà ma se un sacco viene lasciato al giovedì alla domenica invece che zero i sacchi diventano 4 o 5 o 6... senza che nessuno passi.
La situazione è indecente, inaccettabile, vergognosa.

A prescindere dallo spettacolo indegno che diamo a turisti e contesto internazionale di chi è qui di passaggio, Lecco non può tollerare di vivere nel degrado, non esiste dover girare la faccia desolati e intristiti da quanto mai ci saremmo aspettati. Paghiamo, noi lecchesi, fior di centinaia di euro a testa per servizi di pulizia e vediamo l'abominio di una città divenuta discarica a cielo aperto.

Si sveglino Sindaco e Vicesindaco delegato all'immondizia a dare una svolta a questo intollerabile schifo, ribaltino chi ha in mano la gestione e ridiano a Lecco il decoro che merita!
Filippo Boscagli- Capogruppo NCD
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco