Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 146.819.131
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 28 luglio 2014 alle 14:10

Venturini: il problema del depuratore è a monte

Un investimento di svariati milioni di euro, ormai non più rimandabile così sembrerebbe per il nuovo depuratore cittadino , e fino qua non ci “piove “, a parte che quando piove veramente e le vasche di contenimento straboccano (quattro o cinque in tutta la città ),  tutto ciò che strabocca va a finire nel lago. Allora il problema non è tanto il depuratore in se stesso , che” poverello  “ si trova a dover smaltire acque chiare(piovane)  e acque scure ( quelle in realtà, le sole da depurare )contemporaneamente ,  con un bagaglio di lavoro inutile , quando in realtà se ci fosse a monte un sistema nella rete fognaria  di separazione delle acque, forse si potrebbe già oggi con l’attuale depuratore  purificare  meglio. Il problema allora è chiaramente a monte e solo con un intervento logico e centrato , che naturalmente bisognerà pianificare e attuare nei prossimi due o tre anni, si potrà poi dare avvio al reale e logico dimensionamento del nuovo e tanto sofferto depuratore . Il nuovo depuratore è infatti già inserito nel piano triennale degli investimenti varato dall'Ato che il nuovo gestore del servizio idrico integrato, Idroservice   dovrà portare avanti, ma attenzione che non si risolve il problema a monte , cioè la separazione delle acque chiare  e scure i problemi non si risolveranno.
Ezio Venturini - Capogruppo Consigliare Italia dei Valori
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco