Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 124.656.284
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/06/2021
Merate: 22 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 20 µg/mc
Lecco: v. Sora: 27 µg/mc
Valmadrera: 22 µg/mc
Scritto Venerdì 24 giugno 2016 alle 18:02

Da tutto il mondo ad Esino, le porte aperte dai residenti. Gli studenti fanno i volontari

Esino Lario esplode per l'arrivo dei wikipediani, che hanno scelto il piccolo paese montano come sede del loro evento annuale Wikimania. Andiamo allora a scoprire il volto della comunità di Wikipedia, ma non solo; ci sono anche le esperienze dei volontari che hanno reso possibile la realizzazione dell'evento, e soprattutto la gente del paese, che sta ospitando nelle proprie case persone che arrivano da ogni parte mondo.

La cerimonia di apertura di Wikimania

La macchina logistica messa in moto dagli organizzatori di Wikimania 2016 è molto complessa. Oltre ai desk informativi posizionati negli aeroporti, c'è anche quello allestito nella stazione di Varenna-Esino, che già nei giorni scorsi ha accolto i wikipediani non appena scesi dal treno per indicare loro i mezzi di trasporto migliori per raggiungere il paese. Il desk è stato affidato ai volontari: alcuni sono studenti di scuole del lecchese, che, come ha spiegato Andrea Corti del liceo G.B. Grassi, hanno aderito alla collaborazione nell'ambito del raggiungimento della quota di 200 ore di alternanza scuola/lavoro prevista dai programmi ministeriali. I ragazzi in questo modo possono vivere un'esperienza formativa, aderendo a un programma che è comunque facoltativo. Mentre gli studenti dell'istituto Badoni hanno realizzato la app ufficiale dell'evento.

Il desk informativo alla stazione di Varenna-Esino

Al centro Viola Garlati del liceo linguistico Manzoni, ai lati Giulia Gilardi e Andrea Corti del liceo scientifico Grassi

 Il "trenino" che facilita gli spostamenti dei wikipediani a Esino

Uscendo dal palazzetto dello sport, dove si è tenuta la cerimonia di apertura, si apre sulla sinistra un tendone dove è allestita la mensa, sempre gestita da volontari, in cui i wikipediani possono andare a consumare i pasti. Ed è qui che abbiamo incontrato tre ragazzi "all over the world".
Lian, 31 anni, è originario di Taiwan ed è uno tra i responsabili nella comunità di Wikipedia locale. Racconta di lavorare, insieme al suo gruppo, al "Medical translation project": un'iniziativa che coinvolge tredici istituti del suo Paese e che è volta a tradurre in cinese le pagine di Wikipedia che si riferiscono all'ambito medico. Cosa gli piace di Wikimania a Esino? "Qui l'aria è più pulita".

I wikipediani: da sinistra Yongmin della Korea del Sud, Lian di Taiwan e Sailesh dell'India


Yongmin, 26 anni, è nativo della Korea del Sud, e si occupa dei contenuti multimediali all'interno di Wikipedia, dedicandosi al database dal quale tutte le comunità nazionali reperiscono il materiale per le pagine. È la sua prima volta in Italia e di Esino è rimasto colpito dal suo essere un "paese rurale". Sailesh invece, indiano, è specializzato nella compilazione di pagine politiche: ha detto di essere "soddisfatto dell'accoglienza di Esino e l'organizzazione sta lavorando molto bene".

E la gente di Esino cosa pensa? Oltre ad accogliere la comunità di Wikipedia in paese, gli esinesi hanno anche aperto le porte delle proprie case. Osvaldo Maglia, che in paese gestisce un edicola, ha detto che "Wikimania è un evento internazionale storico, che potrebbe non capitare più qui. Tutta Esino si è mobilitata, con il volontariato, e i nostri pochi abitanti hanno risposto meglio di una grande città". Lo stesso edicolante ospita presso di sé dei wikipediani, ricevendo per ciascuno un piccolo contributo dall'organizzazione.
Si.A.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco