• Sei il visitatore n° 163.699.098
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 30 giugno 2016 alle 17:59

Calolzio: indagine della Procura su più fatti pluri-aggravati di bancarotta per la fine della Trafileria. I sequestri sono a 6 zeri

La sede di Calolziocorte
Parrebbe che tra gli 'attenzionati' figuri anche Michela Vittoria Brambilla - figlia di Vittorio, socio di maggioranza delle trafilerie - ex Ministro del Turismo e attuale deputata di Forza. Le perquisizioni sono scattate all’alba di quest’oggi, in Piemonte e nel lecchese. Decine di finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria, coordinati dalla Procura della Repubblica, nella mattinata odierna hanno inoltre effettuato accessi presso più filiali bancarie della Lombardia, allo scopo di acquisire documentazione. Unico – stando ai dettagli finora trapelati e che dovranno chiaramente essere ufficializzati dagli inquirenti non appena l’attività investigativa si potrà dire conclusa -  l’obiettivo: reperire elementi di prova in relazione al fallimento della Trafileria del Lario (in liquidazione), storica azienda del settore siderurgico con sede a Calolziocorte. Al centro dell’attenzione degli investigatori vi sarebbero – sempre dalle prime indiscrezioni odierne – fatti pluri-aggravati di bancarotta nonché supposti reati di natura finanziaria. Un quadro sicuramente intricato ma anche di uno spessore non irrilevante, viste le cifre “in ballo” e l’eco mediatica avuta anche dalla fine delle trafilerie, decretata con sentenza di fallimento irrogata dal Tribunale di Lecco in data 29 settembre 2014 e sottoscritta in qualità di presidente dal dr. Mirko Lombardi e quale giudice relatore dal collega Giordano Lamberti. 
Al momento, tra gli indagati pare figurino anche – e bisognerà poi appurare nello specifico in relazioni a quali contestazioni – gli amministratori, i liquidatori e i membri del collegio sindacale della fallita.
Su disposizione della Procura lecchese, la Guardia di Finanza ha provveduto quest’oggi a porre sotto sequestro denaro ma anche beni tra i quali svariati immobili per un valore complessivo di qualche decina di milioni di euro.
A.M.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco