• Sei il visitatore n° 163.708.552
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Sabato 16 luglio 2016 alle 16:41

Trafileria del Lario: riesame sul sequestro dei beni. 2 rinunce (Brambilla e Vaccani) e una richiesta respinta (Valsecchi)

Il presidente del collegio dr. Enrico Manzi
Questa mattina il collegio del tribunale di Lecco, formato dal presidente Enrico Manzi, a latere Nora Lisa Passoni e Salvatore Catalano, si è riunito nell'aula al primo piano del palazzo di giustizia per discutere sul riesame relativo ai sequestri dei beni disposti per tre dei soggetti attenzionati dalle indagini della Procura, coordinate dai magistrati dr. Nicola Preteroti e dr. Paolo Del Grosso, e relative al crack della Trafileria del Lario.

Per l'ex ministro Michela Vittoria Brambilla, rappresentata in aula unicamente dall'avvocato Fabrizio Consoloni, dopo l'abbandono del mandato del prof. Lanzi, il collegio ha accettato la rinuncia al ricorso, dichiarandolo inammissibile e condannando la ricorrente a pagare le spese del procedimento. Se nulla è trapelato relativamente all'ammontare esatto dei beni posti sotto sequestro, si può ipotizzare che si tratti di una decina di immobili con un valore che potrebbe aggirarsi, il condizionale è d'obbligo, tra i 2 e i 3 milioni di euro. Bocche cucite da parte del legale dell'ex Ministro che, va ricordato, in azienda non rivestiva alcuna carica ufficiale, non essendo né socio, né sindaco, né amministratore, né membro del collegio sindacale ma che potrebbe essere stata "attenzionata" dagli inquirenti per un suo presunto ruolo di fatto.

Il tribunale ha dichiarato inammissibile anche il ricorso presentato da Nicola Vaccani, il cui avvocato non era presente in aula e ha fatto sapere della rinuncia, mentre unico ad avere impugnato il sequestro preventivo è stato Alessandro Valsecchi, tramite l'avvocato di fiducia Christian Malighetti. Il legale, ritenendo sproporzionato il rapporto di adeguatezza tra l'ammontare dei beni sequestrati e quanto effettivamente contestato dalla Procura, ha chiesto la revoca del sequestro o un suo ridimensionamento, con il rilascio di denaro e beni mobili. Richiesta che il collegio ha ritenuto di respingere.

Articoli correlati:
01.07.2016 - Calolzio: perquisizioni e sequestri in relazione al 'crack' della ''Trafileria del Lario'' estesi anche a altre società, continuano gli accertamenti delle Fiamme Gialle. Una decina gli indagati
30.06.2016 - Calolzio: indagine della Procura su più fatti pluri-aggravati di bancarotta per la fine della Trafileria. I sequestri sono a 6 zeri
S.V.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco