Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 137.389.032
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Domenica 18 settembre 2016 alle 15:23

Olginate: la comunità si stringe intorno a don Eugenio nel suo 50° anniversario di ordinazione sacerdotale

Nella mattinata di oggi, domenica 18 settembre, l'intera comunità di Olginate si è stretta in un grande abbraccio intorno a don Eugenio Folcio e a Padre Pierfrancesco Corti, che hanno ricordato, rispettivamente, il loro 50° e 20° anniversario di ordinazione sacerdotale.

Padre Pierfrancesco Corti e don Eugenio Folcio


Una grande festa, quella andata in scena in paese, che è entrata nel vivo con la Santa Messa delle ore 11.00, animata dal coro parrocchiale e da quello degli Alpini, alla presenza delle autorità cittadine, dei bambini della Scuola Materna di via Marconi, degli amici e dei famigliari del sacerdote e di numerose associazioni, tra cui l'US Olginatese, la Pro Loco, AVIS e AIDO, le ACLI, l'Azione Cattolica, i Marinai, il GSO e il gruppo Runners: la Chiesa Parrocchiale, insomma, non è riuscita a contenere tutte le persone che hanno voluto manifestare il proprio affetto ai due religiosi, ma in particolare a don Eugenio, in un momento particolarmente significativo della sua vita e del suo ministero.


"Questa mattina non posso proprio nascondere la mia emozione, il mio stupore di fronte ai colori e all'affetto di una comunità che vive, manifestandosi in tutte le sue espressioni" ha affermato don Eugenio Folcio, nato a Canzo nel 1942, in paese dal 2005 dopo 39 anni di servizio tra Missaglia e Robbiate. "Dopo mezzo secolo di sacerdozio il mio cuore trabocca di sentimenti, ma in particolare di stupore, di uno stupore che sfocia nella gratitudine a Dio, ma che allo stesso tempo mi rende pienamente cosciente della mia inadeguatezza, della mia fragilità, perché vivo con la consapevolezza di dover portare con me un immenso tesoro in un vaso di creta. Il Signore, però, mi fa capire che i miei limiti non saranno mai un ostacolo per Lui, che continuerà ad amare me e tutti gli uomini in maniera disinteressata, guardando ognuno di noi negli occhi e stringendoci in un grande abbraccio. Ed è per questo che quando penso a questi 50 anni di servizio mi viene in mente l'immagine di un arcobaleno, simbolo dell'alleanza con Dio e della sua fedeltà, continuamente rinnovata, che mi rende ogni giorno più certo dell'origine della mia vocazione, nata dalla passione per il Signore e per l'uomo. In questa celebrazione, quindi, vorrei chiedere al Signore tre grazie: la prima è quella di essere all'altezza del suo amore, del suo fuoco vivo, così come dei cambiamenti che avvengono nel mondo e nella nostra società; mi rivolgo a Lui, poi, affinché il mio cuore possa essere come quello di un bambino, sempre capace di provare genuino stupore e meraviglia, ma soprattutto perché mi dia la possibilità di scoprire Dio dentro di me ogni singolo giorno, per poter essere in grado di trasmettere la sua parola alla comunità che mi è stata donata, e che ci tengo a ringraziare sinceramente, con tutto il cuore".

Da sinistra: don Andrea Mellera, Padre Pierfrancesco Corti, don Eugenio Folcio e don Angelo Ronchi

Nel corso della mattinata non sono mancate le sorprese: prima della celebrazione eucaristica, infatti, don Eugenio e Padre Pierfrancesco (missionario olginatese alla guida di una missione del Pime in Bangladesh, ndr.) sono stati accompagnati da Sergio Gilardi, presidente della Pro Loco, in un breve tour del paese... in carrozza, durante il quale l'intera comunità ha potuto manifestare il proprio affetto e la propria vicinanza ai due sacerdoti, visibilmente commossi.

Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):

Tanti anche i messaggi di auguri indirizzati a don Eugenio nel corso della Santa Messa, a cominciare da quello di don Angelo Ronchi, al suo 64° anno di servizio sacerdotale, che ha voluto ringraziare il parroco "per il suo costante impegno a favore della comunità, nonostante le sue bonarie prese in giro per la mia voce un po' incerta e per la mia ormai vetusta Subaru, con cui continuo imperterrito a muovermi di qua e di là". Presente alla celebrazione anche don Andrea Mellera, impegnato da alcuni anni in oratorio al fianco di don Eugenio, alla guida dei giovani dell'Area Omogenea e del Gruppo Sportivo.


La festa per il 50° anniversario del parroco è poi proseguita in oratorio con un pranzo comunitario.

B.P.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco