Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 95.223.415
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 11/08/20

Merate: 23 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 14 µg/mc
Lecco: v. Sora: 17 µg/mc
Valmadrera: 17 µg/mc
Scritto Mercoledì 03 settembre 2014 alle 17:43

Vercurago: benedetti i mezzi degli Innominati Bikers e altri

Forte il rombo dei motori che si è levato dalle motociclette disposte in fila nel cortile dell’oratorio di Vercurago per la prima edizione della benedizione dei mezzi dei membri del gruppo “Innominati bikers” e non solo. La cerimonia, che si è svolta ieri alle 19,30 e che ha coinvolto i membri del Motoclub Val San Martino e tutti gli amanti delle due ruote, si colloca nel contesto della “Festa di fine estate”, inaugurata lunedì e aperta fino al settembre. “Il nostro moto club è attivo da gennaio e, oltre ai mezzi da enduro e cross, comprende anche una sezione per i soli biker. Abbiamo già fatto un “motogiro” di cento chilometri a cui hanno aderito in molti, quasi tutti i cento membri del sodalizio, di cui fanno parte anche due donne” ha spiegato Gabriele Valsecchi.

L’adesione al club prevede una tessera che garantisce ai membri una assistant card, per avere assistenza stradale ovunque, in Italia e in Europa. Oltre a ciò, è necessaria l’iscrizione alla sezione locale, che dà diritto al patch, l’adesivo con il logo degli “Innominati bikers”. Ha continuato Valsecchi “abbiamo scelto questa sede perché molti membri sono di Vercurago e questa data perché buona parte degli iscritti è in partenza per un moto raduno europeo in Austria”.

È seguito poi il momento della benedizione dei mezzi da parte di don Roberto Trussardi, parroco di Vercurago: “innanzitutto, ringrazio gli organizzatori e i presenti. Penso che la moto sia un mezzo fantastico non solo per andare in giro, ma anche per incontrare persone nuove e fare esperienze arricchenti, sempre nel rispetto delle regole stradali. Mi auguro che ci siano altre occasioni di ritrovo insieme a questo gruppo di motociclisti, che si sta attivando molto nel territorio” ha affermato. “Ingegno e immaginazioni sono due doni che Dio ha concesso agli uomini e che hanno permesso loro di costruire mezzi di trasporto come i vostri; vi auguro che sentiate la presenza del Signore vicino a voi durante il viaggio e che Egli vi accompagni sempre” ha poi concluso il parroco.

Il momento di preghiera è terminato con la benedizione dei singoli mezzi, prima dell’apertura del ristorante e dell’inizio della serata danzante come da programma. 
G.M.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco