• Sei il visitatore n° 164.400.821
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 05 maggio 2017 alle 09:40

Valmadrera: un protocollo per l’integrazione dei richiedenti asilo

Premetto che a Valmadrera, come nel resto della provincia di Lecco e dell’intero Paese, la gran parte di questi richiedenti asilo non avrebbero nemmeno il diritto di essere ospitati, perché in uno Stato normale quando ci entri in modo irregolare e provieni da un territorio dove non ci sono ne’ guerre ne’ persecuzioni, devi essere fermato alla frontiera e rispedito a casa.

Per i restanti richiedenti asilo reali, e parliamo di ca. il 5%, potrebbe anche essere condivisibile il principio di farli lavorare in ambiti socialmente utili in modo che ricambino, anche se in minima parte, quello che ci costano per il loro mantenimento, vitto e alloggio, e parliamo di ca. 15 milioni di euro all’anno per la sola provincia di Lecco con una previsione di ca. 19/20 milioni di euro per l’anno prossimo e di ca.  14,7 miliardi di euro sostenuti dall’intero Paese dal 2013 al 2016 di cui solo 493 mil di euro sono stati coperti da Contributi UE!

Bisogna comunque prestare massima attenzione affinché il loro lavoro non diventi nuovo schiavismo, ovvero sfruttamento di manodopera a costo zero, che questa manodopera non sostituisca i lavoratori già assunti, che le cooperative che gestiscono questi lavoratori abbiano nell’oggetto sociale la possibilità di effettuare lavori che intendono far svolgere, rispettino tutte le normative,  comprese quelle sulla sicurezza, formazione anche in lingua madre per essere certi della totale comprensione, prevenzione, valutazione dei rischi, utilizzo di dispositivi di protezione individuale, utilizzo di attrezzature idonee corredate di schede tecniche a marchio Ce, inoltre gli immigrati dovranno essere sottoposti a visita medica che ne attesti l’idoneità.

Non dimentichiamo che le cooperative oggi già svolgono legalmente una concorrenza sleale all’imprenditore privato per fiscalità agevolata e altro, per questo è bene sottolineare ed essere tutti ben consapevoli che con l’introduzione di questi nuovi lavoratori c’è il rischio, o meglio la certezza, che finiremo per alimentare una nuova agevolazione alle cooperative con una lesione palese del principio di concorrenzialità in fase di nuovi bandi pubblici di cura del verde, pulizia strade, ecc…

A queste cooperative e ai comuni che si prestano a questi fantomatici protocolli per l’integrazione di richiedenti asilo chiediamo di pensare prima di tutto ai nostri cittadini in difficoltà che farebbero volentieri lavori socialmente utili per un pasto caldo ed un letto sicuro su cui dormire! La Lega Nord comunque presterà la massima attenzione a tutela soprattutto della nostra gente!
Il Segretario Provinciale di Lecco Lega Nord – Lega Lombarda Flavio Nogara
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco