Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 100.928.140
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 20/10/20

Merate: 36 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 24 µg/mc
Lecco: v. Sora: 19 µg/mc
Valmadrera: 18 µg/mc
Scritto Martedì 31 ottobre 2017 alle 17:22

Nogara sull'espulsione dell'Imam

Ennesima espulsione nel territorio lecchese per fatti legati all’estremismo islamico. Questa volta si tratta di un imam insediato con la famiglia a Olgiate Molgora che da oltre 14 anni era libero di predicare in giro per il nostro paese inneggiando alla Jihad. Pazzesco! A rifletterci è una notizia che fa accapponare la pelle e nello stesso tempo ci fa andare su tutte le furie! Perché è da anni che denunciamo la pericolosità di certi soggetti che vanno nelle moschee ufficiali o meno con il rischio di avvicinare e instradare altri islamici all’estremismo. Questo soggetto quante persone in questi anni avrà portato su questa strada dell’odio e della morte? Voglio ricordare che la Lega Nord si oppose con forza alla nascita della Moschea di Costa Masnaga, come ci siamo e ci stiamo opponendo alla presenza sul nostro territorio di altri centri di culto islamici che non sono in grado di garantire trasparenza su chi vi accede, su ciò che viene predicato e compiuto all’interno di questi luoghi. Io da tempo prendendomi del razzista chiesi, e lo ribadisco con forza, anche alla luce di questo nuovo fatto gravissimo, l’identificazione di chi entra nei luoghi di culto islamici, che si predichi in italiano, che vengano installate telecamere interne ed esterne, con possibilità di registrazioni audio, e che vengano chiusi tutti i centri non ufficiali. Fatelo pure per le chiese cattoliche, noi non abbiamo nulla da temere o da nascondere! I sindaci non facciano finta di non sapere che dietro alle loro associazioni culturali si nascondono islamici che si riuniscono in preghiera in luoghi sotterranei e incontrollabili. In consiglio comunale di Lecco, come in altri comuni, abbiamo portato più volte alla luce situazioni inaccettabili, penso che a Lecco, come a Valmadrera, per fare qualche esempio, non ci siano luoghi di culto islamici ufficiali o con destinazione urbanistica tale, eppure al venerdi vediamo centinaia di islamici, riconoscibili dagli indumenti indossati, che si recano in questi luoghi a pregare.  A Chiuso addirittura si creano incolonnamenti per la concentrazione di islamici che si recano in quel capannone a pregare o per svolgere attività culturali come ci giustificherebbe il sindaco di Lecco Brivio. Abbiamo denunciato i ritrovi di Pescarenico, di Viale Promessi Sposi, di altri scantinati, ma nessuno interviene per chiudere questi centri. Vogliamo mantenere la nostra provincia sotto minaccia islamica? Bene allora continuiamo così, ma poi non lamentiamoci di non essere più liberi di uscire di casa o far uscire in tranquillità i nostri figli, o di dover posizionare blocchi di cemento lungo le strade per proteggere i passanti.  La Lega Nord continuerà ad opporsi con tutte le proprie forze e quando torneremo alla guida della Città di Lecco, come della maggior parte dei comuni lecchesi, faremo pulizia e ristabiliremo ordine e rispetto delle regole! Questo è garantito! Prima di tutto viene la sicurezza e la libertà della nostra gente, tutto il resto viene dopo!

Il Segretario Provinciale di Lecco
Lega Nord – Lega Lombarda
Flavio Nogara
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco